riusa logotype

Onde di calore oceaniche: minaccia alla vita

Non è solo il riscaldamento medio. Pure gli eventi estremi come le ondate di calore, anche oceaniche, possono danneggiare l'ecosistema in maniera irreparabile.

Quando le mortali ondate di calore colpiscono la terra, ne sentiamo parlare. Ma anche gli oceani possono avere ondate di calore. Stanno accadendo ora molto più frequentemente di quanto abbiano fatto nel secolo scorso e stanno danneggiando la vita marina, secondo un nuovo studio.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Climate Change, ha esaminato l'impatto delle ondate di calore marine sulla diversità della vita nell'oceano. Dalle barriere coralline alle foreste di alghe, i ricercatori hanno scoperto che queste ondate di calore stanno distruggendo la struttura di molti ecosistemi oceanici.

Si parla di ondate di calore marine quando quando le temperature del mare sono molto più calde del normale per almeno cinque giorni consecutivi. Gli scienziati stimano che gli oceani abbiano assorbito più del 90 percento del calore intrappolato dai gas a effetto serra in eccesso sin dalla metà del secolo. Questo eccesso di calore sta aumentando non solo le temperature oceaniche di base, ma anche la frequenza e la durata delle ondate di calore marine.

Si stima che un miliardo di persone dipenda dalle barriere coralline, che sono altamente sensibili alla temperatura, per cibo o reddito. Uno studio precedente di alcuni degli stessi ricercatori aveva rilevato che, dal 1925 al 2016, le ondate di calore marine erano diventate, in media, il 34% più frequenti e il 17% più lunghe. Oltre tutto, i giorni all'anno con ondate di calore marine a livello mondiale erano aumentati del 54% .

Gli anni più severi tendono a essere quelli di El Niño. Le temperature oceaniche più calde sono una delle caratteristiche del modello El Niño.

"C'è anche qualche indicazione che El Niño stia diventando più estremo nei confronti dei cambiamenti climatici," ha detto Eric C. J. Oliver, un assistente professore di oceanografia fisica presso la Dalhousie University di Halifax, in Nuova Scozia, co-autore dello studio. "Ma le ondate di calore marine regionali possono accadere anche senza un Niño," ha detto.

Con il proliferare delle ondate di calore oceaniche, i problemi aumenteranno per le persone che dipendono dalla pesca e dalla piscicoltura, o dall'acquacoltura, secondo Gretchen Hofmann, presidentessa del dipartimento di ecologia, evoluzione e biologia marina presso l'Università della California, a Santa Barbara.

"Se si guarda alla geografia, molta della popolazione mondiale vive sulla costa", dice Hofmann. "La pesca commerciale, ma anche gli impianti di acquacoltura sulla costa, affronteranno sfide complicate. Le ondate di calore non sono il massimo per la produzione dell'acquacoltura."

Gli autori dello studio hanno trovato molte parti del Pacifico, Oceano Atlantico e Indiano dove la vita acquatica è particolarmente vulnerabile. Queste aree ospitano molta diversità biologica con piante e animali che vivono nelle parti più calde delle loro spiagge.

Anche gli uccelli marini non escono indenni dalle ondate di calore marine, molto probabilmente perché le loro fonti di cibo sono morte o si sono mosse in risposta al riscaldamento.

Ma forse la sorpresa più grande è stata la significativa perdita di ciò che i biologi chiamano specie fondamentali, come le barriere coralline, le erbe marine e le foreste di alghe. La diversità della vita acquatica offre riparo dai predatori, moderando le temperature e agendo come fonti di cibo. Quando scompaiono, l'intero ecosistema scompare insieme a loro. Un po' come avviene sulla terraferma per la perdita di habitat dovuta all'antropizzazione, che è la maggiore causa di estinzione della vita selvatica (vedi Cave hominem).

I cambiamenti climatici possono essere un processo graduale, ma su questo sfondo si trovano eventi di riscaldamento estremo che potrebbero diventare comuni e avere conseguenze drammatiche. In alcuni casi gli ecosistemi potrebbero non essere in grado di recuperare da quegli eventi. Gli effetti del cambiamento climatico potrebbero accadere molto prima di quanto ci aspettiamo.

Scrivi un commento