riusa logotype

RAEE: tossine nelle uova africane

Terribili conseguenze della contaminazione della catena alimentare da plastiche tossiche nei rifiuti del Ghana. Responsabili anche i rifiuti elettronici tossici provenienti dall'Europa, e quindi il nostro stile di vita elettronico.

Disastrose esposizioni umane e contaminazione della catena alimentare da plastiche tossiche. Nuove ricerche di IPEN, l'ONG internazionale che si batte per l'eliminazione degli inquinanti organici persistenti, e Basel Action Network (BAN), l'ONG che combatte l'esportazione di rifiuti tossici, mettono luce sui danni causati dai rifiuti in Ghana. Sotto accusa anche il nostro stile di vita consumistico in campo elettronico: una parte dell'inquinamento è causato dai rifiuti elettronici tossici spediti dall'UE nella discarica di Agbogbloshie.

I ricercatori hanno trovato i più alti livelli mai misurati di diossine bromurate e clorurate, alcune delle sostanze chimiche più pericolose sulla Terra, nelle uova di galline ruspanti a Agbogbloshie, in Ghana. La contaminazione deriva principalmente dall'estrazione di metalli e terre rare dai rifiuti elettronici, che viene effettuata da personale non specializzato con processi chimici a cielo aperto (vedi video qui sotto) e bruciando materie plastiche per il recupero dei metalli. Anche le plastiche provenienti dalle automobili sono bruciate sul sito e contribuiscono alla contaminazione.

I ricercatori hanno analizzato le uova di polli ruspanti nella baraccopoli di Agbogbloshie, dove circa 80.000 persone vivono principalmente recuperando e vendendo cavi di rame e altri metalli ricavati in qualche maniera da rifiuti elettronici. Questi processi, diciamo artigianali, per distruggere e bruciare l'involucro di plastica dei cavi, di estrarre i metalli, rilascia sostanze chimiche pericolose presenti all'interno della plastica, come ritardanti di fiamma bromurati e crea sostanze chimiche sottoprodotti altamente tossici come diossine e furani bromurati e clorurati. Il danno maggiore, ovviamente è a carico degli improvvisati lavoratori, ragazzi spesso minorenni che si smazzano il lavoro di pulizia dai rifiuti che noi cittadini del mondo ricco produciamo senza domandarci quali conseguenze possano avere.


Ma le conseguenze si allargano anche al di là degli operai direttamente coinvolti. Il campionamento delle uova ha rivelato livelli allarmanti di alcuni dei prodotti chimici più pericolosi e vietati al mondo, tra cui diossina, diossina bromurata, PCB, PBDE e SCCP.

I ricercatori della BAN hanno rintracciato le spedizioni di dispositivi elettronici usati dall'Europa al Ghana. Il rapporto BAN del 2018 "Buchi nell'economia circolare: la fuoriuscita di RAEE dall'Europa" ha rivelato che i rifiuti elettronici provenienti da cittadini e imprese in Europa sono stati dotati di tracciatori elettronici GPS e seguiti nel loro viaggio truffaldino verso i paesi in via di sviluppo. In Africa, i rifiuti elettronici europei sono stati mandati illegalmente in Ghana insieme ad altre località in Nigeria e Tanzania.

Un adulto che mangiasse solo un uovo proveniente da un allevamento di polli ruspanti dal deposito di Agbogbloshie e dai dintorni, supererebbe l'assunzione giornaliera tollerabile (tollerable daily intake, TDI) dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) per le diossine clorurate di 220 volte.

Il consumo giornaliero tipico di uova per persona in Ghana è inferiore a un uovo al giorno, ma anche dando buone le statistiche rese celebri da Trilussa e dal suo pollo, il consumo di soli 2,5 grammi di un uovo al giorno supererebbe il TDI dell'EFSA di oltre 15 volte.

I PCB, Poli-cloro-bifenili, sostanze vietate nell'UE dal 1987, in queste uova sono quattro volte superiori allo standard UE e 171 volte più elevati dello standard per diossine e PCB diossino-simili. Le uova contengono inoltre livelli molto elevati di ritardanti di fiamma PBDE e di SCCP, sostanze chimiche usate per il taglio di metalli, e PVC, nonché di livelli relativamente alti di altri POP, come il pentaclorobenzene e l'esaclorobenzene.

Il rapporto fa riferimento a un altro studio, "Persistent Organic Pollutants in Eggs: Report for Africa", che rivela come i controlli deboli nei trattati internazionali consentano ai paesi sviluppati di esportare rifiuti elettronici nei paesi in via di sviluppo, portando a danni alla salute dei lavoratori e alla catena alimentare.

Le ONG richiedono un'azione immediata per rafforzare le leggi internazionali che limitano le sostanze chimiche pericolose nei rifiuti e elencare le diossine bromurate nelle Convenzioni di Stoccolma e di Basilea alla prossima Conferenza delle Parti.

L'esportazione di rifiuti elettronici e le sostanze chimiche tossiche che contengono potrebbero essere prevenute con un accordo sui limiti più severi dei rifiuti pericolosi nella Convenzione di Stoccolma, nota come Low Content Content Levels (LPCL). Lo spreco di POP, come definito da LPCL, non può essere esportato in paesi che non dispongono dell'infrastruttura avanzata per distruggerlo. L'adozione dei rigorosi nuovi livelli proposti da IPEN metterebbe effettivamente fine a questo commercio tossico. I ricercatori chiedono anche l'elenco delle diossine bromurate nella Convenzione di Stoccolma.

Ma affidarsi alle leggi, in questi casi, costituisce un pericoloso lavaggio di coscienza. Il problema maggiore è l'elevato tasso di sostituzione di prodotti elettronici ancora funzionanti, favorito da un'ideologia della crescita infinita che sta trovando numerosi stop, non solo in ambito climatico (vedi Fermiamo il riscaldamento, o saranno guai).

"L'Europa deve fare i conti con i suoi rifiuti elettronici tossici piuttosto che indirizzarli verso i paesi in via di sviluppo, come il Ghana, dove le sostanze chimiche pericolose contaminano le popolazioni (soprattutto le più vulnerabili) e l'ambiente, a causa della cattiva gestione e delle pratiche di smaltimento indiscriminate esistenti," dice Sam Adu-Kumi dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente del Ghana ed ex Presidente della Conferenza delle Parti della Convenzione di Stoccolma.

"I paesi africani non dovrebbero più essere usati come discariche per rifiuti elettronici poiché non abbiamo la capacità tecnologica di gestire i rifiuti contenenti alti livelli di inquinanti organici persistenti," continua Adu.

Le diossine sono estremamente tossiche anche in quantità molto ridotte: c'è preoccupazione quando queste sostanze sono identificate anche in parti per miliardo (ppb, parts per billion). Ma il campionamento ha rivelato livelli molto elevati, indicando che grandi quantità di queste sostanze chimiche tossiche stanno raggiungendo l'Africa attraverso i rifiuti elettronici e stanno entrando nella catena alimentare. Una catastrofe per la salute ambientale che deve essere affrontata radicalmente.

Jim Puckett, un attivista contro il commercio dei rifiuti tossici, ha dichiarato: "Se qualcuno costringesse un altro essere umano a inalare o ingerire veleno, sarebbe considerato un tentato omicidio per lo meno. Eppure ogni giorno, i produttori di componenti elettronici consentono l'ingresso di sostanze chimiche nei loro prodotti elettronici che uccidono. E ogni giorno questi stessi prodotti tossici alla fine della vita vengono esportati nei paesi in via di sviluppo dove hanno meno capacità di prevenire questo risultato. Dobbiamo considerare entrambe queste attività come crimini."

Scrivi un commento