riusa logotype

La scomparsa degli insetti fa paura

Secondo un'autorevole entomologa, gli insetti devono essere salvati per prevenire il collasso dell'umanità.

Secondo l'ONG Rewilding Britain, costituita per promuovere la natura selvatica nel Regno Unito, i complessi sistemi della natura sono come un'amaca sulla quale riposa l'umanità: si possono tirare fuori dal tessuto dei fili, a uno a uno, ma a un certo punto tutto la struttura si dipana e l'ospite cade.

Un terzo degli insetti sono considerati specie a rischio, e stanno andando verso l'estinzione a una velocità 8 volte superiore a quella di uccelli, mammiferi e rettili. Ciò equivale a una perdita del 2,5% della massa di insetti ogni anno negli ultimi 3 decenni.

Una scienziata di primo piano sostiene che il rapido declino degli insetti in tutto il mondo rappresenti una minaccia capitale per l'umanità e che occorra agire per salvarli "finché siamo ancora tempo".

Anne Sverdrup-Thygeson, professoressa presso l'Università norvegese di scienze della vita e una dei migliori entomologi del mondo, ha dichiarato che l'importanza degli insetti per il pianeta dovrebbe spronare gli esseri umani ad agire immediatamente contro una delle principali cause della loro scomparsa: la crisi climatica.

Le popolazioni di insetti in crollo in tutto il mondo sono motivo di grave allarme, ha detto Sverdrup-Thygeson, dato l'enorme impatto che queste piccole creature hanno sull'ecosistema globale. "Gli insetti sono la colla della natura", dice Sverdrup-Thygeson. "Dovremmo salvare gli insetti, se non per il loro bene, almeno per il nostro."

"Ho letto praticamente tutti gli studi in inglese e non ne ho visto uno solo in cui gli entomologi non credono al messaggio principale che molte specie di insetti stanno decisamente scomparendo," ha dichiarato Sverdrup-Thygeson. "Con tutti i pesticidi che ci sono in giro, e il cambiamento climatico, non è molto bello essere un insetto al giorno d'oggi."

Se questo declino continuasse senza sosta, ha avvertito Sverdrup-Thygeson, presto su questo pianeta "non sarà divertente nemmeno essere umani."

"Tra poco sarà ancora più difficile ottenere abbastanza cibo per la popolazione umana del pianeta, per garantire una buona salute e acqua dolce per tutti," ha dichiarato Sverdrup-Thygeson. "Questo dovrebbe essere una grande motivazione per fare qualcosa mentre abbiamo ancora tempo."

L'invito all'azione di Sverdrup-Thygeson è arrivato dopo che la piattaforma intergovernativa per la scienza e la politica sulla biodiversità e i servizi ecosistemici (IPBES) ha pubblicato un rapporto globale sulla biodiversità, che ha messo in guardia sul fatto che l'attività umana abbia spinto un milione di specie animali e vegetali sull'orlo dell'estinzione.

Secondo il rapporto, "le prove disponibili supportano una stima provvisoria del 10% [delle specie di insetti] minacciate" dalla crisi climatica.

"Non è troppo tardi per rimediare," ha dichiarato il presidente di IPBES Robert Watson, "ma solo se iniziamo ora a tutti i livelli, dal locale al globale."

Scrivi un commento