riusa logotype

ULEZ: il centro di Londra respira pulito

Il sindaco dichiara che il primo mese della zona a bassissima emissione (ultra-low emission zone, ULEZ) nella capitale britannica, ha avuto un 'impatto significativo.'

Buone notizie dal fronte dell'inquinamento atmosferico a Londra, dopo l'istituzione della zona a bassissima emissione (ultra-low emission zone, ULEZ).

Le cifre iniziali mostrano che in media 9.400 veicoli pesantemente inquinanti in meno sono entrati nel centro di Londra ogni giorno ad aprile rispetto a marzo. Sono stati 36.000 in meno rispetto a febbraio 2017, quando sono stati annunciati i piani per le ULEZ. Si pensa che gran parte di tale calo potrebbe essere attribuito agli automobilisti che hanno acquistato veicoli più puliti.

Il sindaco di Londra, Sadiq Khan, ha detto che i risultati hanno mostrato che "l'azione audace raccoglie ricompense". Gli attivisti per l'aria pulita hanno affermato che si tratta di un passo importante nella lotta all'inquinamento atmosferico.

"Solo un mese dopo il lancio del primo ULEZ al mondo [...] abbiamo già visto un impatto significativo sui tipi di veicoli in movimento nel centro della capitale e inquinano l'aria," ha detto Khan. "Questi sono grandi cambiamenti: l'aria tossica è un killer invisibile responsabile di una delle più grandi emergenze sanitarie nazionali della nostra generazione."

Il numero dei veicoli inquinanti nella zona è sceso da 35.578 a marzo a 26.195 dopo l'introduzione della tassa. Quasi tre quarti (74%) dei veicoli nella zona di aprile hanno rispettato i nuovi limiti di inquinamento, rispetto al 61% del mese precedente.

L'ufficio del sindaco ha detto che è ancora troppo presto per ottenere un quadro "chiaro e solido" dell'impatto del programma sui livelli di inquinamento, e una ricerca più dettagliata sarà stata rilasciata nei prossimi mesi.

"Siamo all'inizio, ma è bello vedere che i londinesi e le aziende stanno facendo la loro parte per fare la differenza," ha detto Khan.

Gli ambientalisti hanno accolto favorevolmente le cifre, ma hanno affermato che sono necessari ulteriori miglioramenti. John Maingay, della British Heart Foundation, ha dichiarato: "Sebbene questa notizia sia incoraggiante, è ora importante che i progressi nella riduzione del numero di veicoli pesantemente inquinanti sulla strada non si fermino, ma dobbiamo accelerare i progressi adottando Le linee guida OMS per gli inquinanti atmosferici."

I veicoli inquinanti rappresentano circa la metà delle emissioni nocive di Londra. L'inquinamento atmosferico è responsabile di migliaia di morti premature ogni anno nel Regno Unito e causa problemi di salute cronici a milioni di persone.

La portata della crisi è diventata evidente negli ultimi mesi con ricerche che dimostrano che l'inquinamento atmosferico è legato a una serie di malattie a lungo termine, dalla demenza alle malattie cardiache, dall'asma al cancro. Colpisce in modo sproporzionato i bambini e le persone più povere e si stima che costino circa 3,7 miliardi di sterline all'anno nella sola Londra.

La zona a bassissima emissione è stata introdotta nella capitale l'8 aprile e opera senza interruzioni nella zona a traffico limitato. I conducenti di auto, furgoni e motociclette devono pagare un supplemento di £ 12.50 (14 euro circa) a meno che i loro veicoli non soddisfino nuovi standard di emissioni. I camion e gli autobus che non soddisfano i regolamenti sono soggetti a un addebito di £ 100 (114 euro).

La mossa è stata ampiamente ben accolta dai gruppi di genitori, medici e ambientalisti che sostengono che contribuirà a far ripulire l'aria tossica della capitale. Ma molti hanno invitato i politici di tutto il paese ad andare oltre.

Areeba Hamid, attivista di Greenpeace UK, ha dichiarato: "Vorremmo vedere i numeri sulla qualità dell'aria, ma il livello di conformità con l'ULEZ ci mostra qualcosa di importante: le persone sono pronte a fare cambiamenti per migliorare il loro ambiente quando la legislazione condivide la responsabilità equamente all'interno della società."

"Si potrebbe iniziare con una data di abbandono del 2030 per le auto a benzina e diesel, invece di aspettare fino al 2040 quando è troppo tardi per essere utili per affrontare l'emergenza climatica."

Scrivi un commento