riusa logotype

Terremoti nel Sichuan: colpa del fracking?

Fracking ancora sotto accusa per attività sismica indotta: dopo i casi accertati in USA e Canada, anche una regione della Cina soffre di terremoti ascrivibili all'attività di fratturazione petrolifera della zona.

Uno studio pubblicato in Seismological Research Letters (SRL) parla del terremoto di dicembre 2018, di magnitudo 5,7, e quello di magnitudo 5,3 del gennaio 2019, nel bacino meridionale del Sichuan. Questi sismi hanno causato danni ingenti alle fattorie e ad altre strutture della zona. Il terremoto di dicembre è stato particolarmente distruttivo, provocando 17 feriti e una perdita economica diretta di circa 50 milioni di renminbi cinesi (circa 6,65 milioni di euro).

Il giacimento del gas di scisto Changning nel bacino del Sichuan meridionale è un sito di operazioni di fracking dal 2010, con vasti pozzi di iniezione orizzontali sempre più numerosi dal 2014. Il tasso di terremoti nella zona Changning è aumentato drammaticamente nello stesso momento in cui è iniziato il fracking sistematico.

Negli Stati Uniti, lo smaltimento delle acque reflue da operazioni di petrolio e gas, dove l'acqua prodotta durante l'estrazione di idrocarburi viene iniettata nuovamente in strati rocciosi, è considerata la causa principale di terremoti indotti, specialmente in Oklahoma. Inoltre, vi è una crescente evidenza che la fratturazione idraulica, o fracking, che utilizza acqua iniettata per rompere gli strati rocciosi durante l'estrazione di idrocarburi, potrebbe aver causato terremoti di dimensioni moderate in alcuni siti dell'Ohio, dell'Oklahoma e del Canada occidentale.

Sia lo smaltimento delle acque reflue che il fracking hanno causato terremoti nel bacino del sud del Sichuan, sostiene Xinglin Lei del Geological Survey del Giappone e colleghi. Nel loro nuovo studio nella rivista SRL, i ricercatori presentano "una serie completa di prove" per dimostrare che i terremoti di dicembre e gennaio sono stati indotti da operazioni di fracking.

Hanno individuato la posizione dei terremoti, scoprendo che erano relativamente poco profondi (tra due e dieci chilometri sotto la superficie), come ci si aspetterebbe dai terremoti indotti. Anche i terremoti di dicembre e gennaio hanno coinciso nel tempo e nello spazio con l'iniezione nei pozzetti vicini. Purtroppo, gli studiosi non hanno a disposizione i volumi di iniezione esatti in questi pozzetti, per capire meglio la relazione tra le attività di iniezione e l'evoluzione della sismicità.

La modellizzazione dell'attività sismica di Lei e colleghi mostra che la maggior parte dell'attività proviene dalle scosse iniziali, con scarsa attività durante le scosse di assestamento: anche questo è coerente con il modello dei terremoti indotti. Infine, i loro calcoli mostrano che la sovrapressione sui pori della roccia, prodotta dalle iniezioni di fracking, è stata abbastanza forte da attivare faglie preesistenti nella regione.

"Per la maggior parte dei casi, la sismicità associata svanisce rapidamente dopo che la frattura idraulica è terminata o interrotta", ha detto Lei. "A mio parere, i ripetuti terremoti moderati possono essere causati fino a quando l'iniezione continua, dal momento che un terremoto moderato rilascia energia molto limitata," ha aggiunto. "Le normative nazionali in Cina dovrebbero essere aggiornate con l'obbligo per gli operatori di intervenire se sono stati osservati alcuni segnali di riattivazione dell'attività sismica."

I ricercatori dicono che sono necessarie maggiori informazioni sulle faglie e sui loro schemi di sollecitazione nelle aree del bacino del Sichuan che circondano i tamponi dei pozzetti, per guidare la perforazione in un modo da evitare l'attività sismica indotta. "Sono stati osservati terremoti moderati in un numero limitato di siti", ha detto Lei. "Se questi siti potessero essere esclusi, il rischio di terremoti moderati sarebbe notevolmente ridotto."

Lei e i suoi colleghi vorrebbero fare in modo che ricercatori, politici e operatori del petrolio e del gas lavorassero insieme per capire meglio cosa causa la sismicità indotta da iniezione nel bacino del South Sichuan, per consentire operazioni di fracking efficaci e sicure.

Scrivi un commento