riusa logotype

L'Antartide è più calda che mai

Temperature record a inizio febbraio in Antartide. Il continente ghiacciato è a rischio di un completo tracollo.

Sta diventando decisamente afosa, l'Antartide. La mattina del 7 febbraio, una base di ricerca argentina situata nella punta più settentrionale del continente ha registrato una temperatura di 18°C. Per capirci, è circa dieci gradi più alta che a Milano.

Questa temperatura supera il precedente record di 17,2°C dell'Antartide, registrato a marzo 2015, e segue le tracce del gennaio più caldo mai registrato a livello globale, che ha colpito l'Europa nord-orientale più duramente.

"La lettura è impressionante in quanto sono passati solo cinque anni da quando è stato stabilito il record precedente e questo è quasi un grado centigrado in più," ha dichiarato James Renwick, uno scienziato del clima presso la Victoria University di Wellington. "È un segno che il riscaldamento sta accadendo lì molto più velocemente della media globale."

La regione antartica è fortemente colpita dal cambiamento climatico globale. Anche gli angoli più freddi, una volta considerati stabili, ora si stanno sciogliendo e stanno scaricando acqua nell'oceano circostante. L'Antartide contiene circa il 90% di tutto il ghiaccio sulla Terra, abbastanza per innalzare il livello del mare di altri 60 metri.

"È tra le regioni del pianeta a più rapido riscaldamento", dice Clare Nullis, la portavoce dell'Organizzazione meteorologica mondiale (WMO - World Meteorological Organization) in un comunicato delle Nazioni Unite. "Sentiamo molto parlare di Artide, ma anche questa particolare parte della penisola antartica si sta riscaldando molto rapidamente. Negli ultimi 50 anni si è riscaldata quasi di 3°C."

La perdita di ghiaccio osservata ogni anno si è accelerata di quasi sei volte dalla fine degli anni Settanta e il tracollo di quest'area particolarmente sensibile è responsabile di circa un quarto dell'innalzamento globale del livello del mare.

Ma non è solo il ghiaccio che sta cambiando in Antartide: i venti caldi stanno diventando più forti e più frequenti, consentendo all'acqua calda di filtrare sotto le sue calotte glaciali. I ghiacciai si sciolgono da sotto quando entrano in contatto con queste acque più calde.

Il vento potrebbe essere a causa anche della temperatura insolitamente calda di questi giorni. I meteorologi della stanno attualmente esaminando se questo evento caldo è associato a un "foehn": un episodio di forti venti ad altitudini elevate che si riscaldano rapidamente, grazie alle differenze di pressione dell'aria, mentre scendono dalle pendenze.

Va detto che non tutti sono convinti dell'idea che la temperatura calda di oggi sia un segno del cambiamento climatico. David Bromwich, un ricercatore del clima presso la Ohio State University, ha dichiarato al Washington Post che questo disco sembra più un "evento estremo che non ci dice nulla".

Preoccupa comunque la quantità enorme di ghiaccio che si scioglie devastando il polo sud. Potrebbe essere a causa delle temperature più calde, oppure del cambiamento dei venti, ma non si può negare che, a lungo termine, tutto sia legato alla dipendenza dell'umanità dai combustibili fossili e alle emissioni di CO2 in costante aumento.

Scrivi un commento