riusa logotype

La Cina e la plastica

Pechino annuncia il piano di eliminare gradualmente le materie plastiche monouso. Tra il gigante asiatico e la plastica un rapporto di amore, odio, dipendenza e denaro inestricabile.

A differenza del governo italiano, troppo debole per affrontare i veti incrociati sull'argomento 'plastica', quello cinese ha annunciato misure per frenare la produzione di plastica monouso nel tentativo di affrontare uno dei peggiori problemi ambientali della nazione.

Il paese produce ogni giorno circa 60 milioni di contenitori per alimenti da asporto e rifiuti plastici in enormi quantità, non trattati, vengono immessi nelle discariche o gettati nei fiumi.

Sebbene il cinese medio produca circa un settimo dei rifiuti solidi rispetto all'americano medio, e un quarto rispetto all'europeo medio, il paese asiatico ha una popolazione molto maggiore.

I sacchetti di plastica saranno banditi in tutte le principali città della Cina entro la fine del 2020 e banditi in tutte le città nel 2022, hanno affermato la Commissione nazionale per lo sviluppo e le riforme e il Ministero dell'ecologia e dell'ambiente, che ha emesso la nuova politica.

I mercati che vendono prodotti freschi saranno esenti dal divieto fino al 2025. Anche altri articoli, come posate di plastica per alimenti da asporto e imballaggi di plastica per spedizioni, saranno gradualmente eliminati.

Entro la fine del 2020 sarà vietato all'industria della ristorazione l'uso di cannucce monouso. Le città di tutta la Cina devono ridurre il consumo di articoli in plastica monouso nell'industria della ristorazione del 30% entro il 2025.

Alcune regioni e settori dovranno inoltre affrontare restrizioni alla produzione e alla vendita di prodotti in plastica, ma non è ancora chiaro quali siano le aree geografiche.

Sarà vietata la produzione e la vendita di sacchetti di plastica di spessore inferiore a 0,025 mm, così come i film di plastica di spessore inferiore a 0,01 mm per uso agricolo.

La Cina sta da tempo aumentando i tassi di riciclo, costruendo decine di piattaforme di "recupero completo delle risorse" per garantire che un maggior numero di prodotti venga riutilizzato come parte della sua guerra ai rifiuti. L'esperienza accumulata in almeno un decennio come unica destinazione di plastica da riciclare ha reso la Cina un gigante in questo settore.

Ma è il mercato interno a creare ora i maggiori problemi. La quantità di plastica che inquina le acque costiere della Cina è aumentata vertiginosamente.

Secondo il ministero dell'ambiente, nel 2018 sono stati trovati oltre 200 milioni di metri cubi di rifiuti galleggianti al largo delle coste cinesi, con un aumento del 27% rispetto all'anno precedente.

Scrivi un commento