riusa logotype

Effetti del coronavirus sul petrolio

La domanda mondiale di petrolio diminuirà nel 2020 poiché il coronavirus peserà pesantemente sui mercati.

Si prevede che la domanda mondiale di petrolio diminuirà nel 2020, poiché l'impatto del nuovo coronavirus (COVID-19) si diffonde in tutto il mondo, limitando i viaggi e l'attività economica più ampia.

Secondo le previsioni della IEA (International Energy Agency, Agenzia internazionale per l'energia) la situazione energetica mondiale è fluida, creando uno straordinario grado di incertezza su quale sarà il pieno impatto mondiale del virus. La domanda di petrolio quest'anno cala per la prima volta dal 2009 a causa della profonda contrazione del consumo di petrolio in Cina e delle interruzioni dei viaggi e degli scambi mondiali.

"La crisi del coronavirus sta colpendo una vasta gamma di mercati energetici (carbone, gas e energie rinnovabili) ma il suo impatto sui mercati petroliferi è particolarmente grave perché la contrazione degli spostamenti assesta un duro colpo alla domanda di carburanti per il trasporto." Sono le parole di Fatih Birol, direttore esecutivo dell'IEA.

"Questo è particolarmente vero in Cina, il più grande consumatore di energia al mondo, che ha rappresentato oltre l'80% della crescita della domanda mondiale di petrolio lo scorso anno. Le ripercussioni del virus si stanno diffondendo in altre parti del mondo, ma ciò che accade in Cina ha importanti implicazioni per i mercati mondiali dell'energia e del petrolio".

L'IEA ora vede la domanda mondiale di petrolio a 99,9 milioni di barili al giorno nel 2020, in calo di circa 90.000 barili al giorno dal 2019. Questo è un netto declassamento rispetto alle previsioni dell'IEA a febbraio, che prevedevano che la domanda mondiale di petrolio sarebbe cresciuta di 825.000 barili al giorno nel 2020.

Le prospettive a breve termine per il mercato petrolifero alla fine dipenderanno dalla rapidità con cui i governi si spostano per contenere l'epidemia di coronavirus, dall'efficacia dei loro sforzi e dall'impatto persistente della crisi sanitaria mondiale sull'attività economica.

Per tenere conto dell'estrema incertezza dei mercati energetici, l'IEA ha sviluppato altri due scenari su come la domanda mondiale di petrolio potrebbe evolvere quest'anno. In un caso più pessimista, le misure mondiali non riescono a contenere il virus e la domanda mondiale diminuisce di 730.000 barili al giorno nel 2020. In un caso più ottimistico, il virus è contenuto rapidamente in tutto il mondo e la domanda mondiale aumenta di 480.000 barili un giorno.

L'impatto del coronavirus sui mercati petroliferi può essere temporaneo. Ma le sfide a lungo termine che i fornitori del mondo devono affrontare non spariranno, specialmente quelle che dipendono fortemente dalle entrate di petrolio e gas. Come ripetutamente affermato dall'IEA, questi paesi produttori hanno bisogno di economie più dinamiche e diversificate per superare le molteplici incertezze che vediamo oggi.

L'IEA ha inoltre pubblicato le sue previsioni a medio termine esaminando le questioni chiave della domanda mondiale, dell'offerta, della raffinazione e degli scambi commerciali fino al 2025. La crescita annuale della domanda mondiale di petrolio è destinata a rallentare in quanto il settore dei carburanti per il trasporto cresce più lentamente, secondo il rapporto.

Tra il 2019 e il 2025, la domanda mondiale di petrolio dovrebbe crescere ad un tasso medio annuo di poco inferiore a 1 milione di barili al giorno. Nell'intero periodo, la domanda aumenta di un totale di 5,7 milioni di barili al giorno, con la Cina e l'India che rappresentano circa la metà della crescita.
Allo stesso tempo, la capacità di produzione mondiale di petrolio dovrebbe aumentare di 5,9 milioni di barili al giorno, con oltre tre quarti provenienti da produttori non OPEC, secondo il rapporto. Ma la crescita della produzione negli Stati Uniti e in altri paesi non OPEC è destinata a perdere slancio dopo il 2022, consentendo ai produttori dell'OPEC del Medio Oriente di riportare i rubinetti verso l'alto per aiutare a mantenere in equilibrio il mercato mondiale del petrolio.

Il rapporto sul mercato a medio termine, Oil 2020, considera anche l'impatto delle transizioni di energia pulita sulle tendenze del mercato petrolifero. Si prevede che la crescita della domanda di benzina e diesel tra il 2019 e il 2025 si indebolirà man mano che i paesi di tutto il mondo attuano politiche per migliorare l'efficienza e ridurre le emissioni di anidride carbonica, e con l'aumentare della popolarità dei veicoli elettrici. L'impatto delle transizioni energetiche sull'approvvigionamento di petrolio rimane poco chiaro, con molte aziende che privilegiano i progetti a ciclo breve per i prossimi anni.

"La crisi del coronavirus si sta aggiungendo alle incertezze che l'industria petrolifera mondiale deve affrontare mentre contempla nuovi investimenti e strategie commerciali", ha affermato il dott. Birol. "Le pressioni sulle aziende stanno cambiando. Devono dimostrare di essere in grado di fornire non solo l'energia su cui fanno affidamento le economie, ma anche le riduzioni delle emissioni di cui il mondo ha bisogno per contribuire ad affrontare la nostra sfida climatica".

Scrivi un commento