riusa logotype

Moria di alberi in Australia

Intere colline di alberi hanno virato al marrone in questa calda estate australiana. È l'inizio del collasso dell'ecosistema?

La siccità nell'Australia orientale è stata un fattore determinante per gli incendi senza precedenti di questa stagione. Ma ha anche causato un'altra, meno nota, calamità ambientale: intere colline di alberi sono passate dal verde al marrone, segno di malattia grave, che ha portato alla morte di molte piante.

Estese morie di alberi da chioma dal sud-est del Queensland fino a Canberra. Rapporti su altri alberi morti e morenti provenienti da altre regioni dell'Australia sono sotto osservazione da parte del progetto scientifico "Dead Tree Detective."

Alberi morti non sono uno spettacolo insolito durante una siccità. Ma in alcuni punti (vedi immagine), è la prima volta nella memoria vivente di una moria con superficie così estesa.

Gli ecologi stanno ora riflettendo sulle implicazioni. Ci sono segnali che alcune specie di alberi australiani potrebbero scomparire da gran parte dell'Australia mentre i cambiamenti climatici avanzano. Potremmo assistere all'inizio del collasso dell'ecosistema?

Gran parte dell'Australia orientale è in siccità dall'inizio del 2017. Sebbene questa siccità non sia ancora lunga quanto la più importante siccità mai registrata, sembra essere più intensa. Molte aree hanno avuto le precipitazioni più basse mai registrate, compresi lunghi periodi di tempo senza precipitazioni. Ciò è stato associato a temperature superiori alla media e ondate di calore estreme.

Maggiore è la temperatura, maggiore è la perdita di umidità dalle foglie. Questo di solito è il sistema che la foresta usa per raffreddarsi. Ma se non c'è abbastanza acqua nel terreno, la maggiore perdita d'acqua può spingere gli alberi oltre una soglia, causando estese "bruciature" o dorature delle foglie. L'ampia moria delle chiome osservata questa estate suggerisce che il terreno fosse diventato troppo secco per molti alberi.

Gli alberi marroni o spogli non sono necessariamente morti. Molti eucalipti possono perdere tutte le foglie ma rinascere dopo la pioggia.

Molte parti dell'Australia orientale sono già in rinverdimento dopo la pioggia. In queste aree, sarà importante valutare la capacità di recupero degli alberi. Se gli alberi non mostrano segni di recupero dopo piogge significative, è improbabile che sopravvivano. In alcuni casi, le riserve di carboidrati, di cui gli alberi hanno bisogno per ributtare, potrebbero essere esaurite.

La siccità può anche ostacolare il recupero post-incendio. La maggior parte delle foreste di eucalipti alla fine si riprende dagli incendi boschivi ricacciando nuove foglie. Alcune foreste si riprendono quando il fuoco fa germogliare le piantine.

Ma è probabile che alcune foreste che ora dovrebbero riprendersi dal fuoco, stessero già lottando contro la moria da siccità. Quindi, non uno, ma due nemici potrebbero mettere alla prova la resistenza delle foreste: la siccità e gli incendi boschivi.

Gli alberi che si stanno riprendendo dalla siccità e/o dal fuoco potrebbero anche incappare nella cosiddetta "spirale della morte". Le nuove foglie, tenere e umide, potrebbero essere un pasto particolarmente gustoso per gli insetti. Gli alberi tenteranno allora di sviluppare più fogliame in risposta, ma la loro capacità diminuirà gradualmente man mano che esauriscono le riserve di carboidrati, causando la moria.

La spirale della morte in passato ha portato a una vasta perdita di alberi, anche nell'area del New England nel Nuovo Galles del Sud.

I forestali contano parecchio sulla capacità degli eucalipti di rigenerarsi, che li rende naturalmente resistenti alla siccità estesa. Tuttavia, qualche preoccupazione permane. I cambiamenti climatici porteranno un aumento della siccità, ondate di calore e incendi che potrebbero, nel tempo, vedere estese perdite di alberi.

Gli esperti dovranno monitorare attentamente gli alberi per vedere dove sono morti e dove si stanno riprendendo. Il progetto Dead Tree Detective sta aiutando a mappare l'entità della moria degli alberi in tutta l'Australia.

Le persone inviano foto di alberi morti e morenti: ad oggi sono stati caricati oltre 267 documenti. Questi registri possono essere utilizzati per individuare dove monitorare le foreste durante la siccità, comprese le valutazioni sul terreno della salute degli alberi e quantificare le risposte fisiologiche degli alberi allo stress da siccità.

Non esiste un programma di monitoraggio della salute delle foreste in Australia, quindi questo set di dati ha un valore inestimabile per aiutarci a determinare esattamente quanto siano vulnerabili le foreste australiane nei confronti del doppio cruccio di grave siccità e incendi boschivi.

Scrivi un commento