riusa logotype

Riscaldamento: anche il 2019 entra nel libro dei record

Il 2019 è stato il secondo anno più caldo di sempre, chiudendo il decennio più caldo di sempre.

Le analisi della NASA (National Aero Spatial Administration) e della NOAA (National Oceanic and Atmospher Administration) hanno mostrato che le temperature medie globali della superficie dell'anno scorso sono state quasi 1 grado Celsius superiori alla media della metà del secolo scorso, causate in gran parte dalle emissioni di anidride carbonica e altri gas serra, prodotti dalla combustione di combustibili fossili. Questo riscaldamento significa che il mondo è lungi dal raggiungere gli obiettivi fissati per combattere i cambiamenti climatici.

"Queste tendenze sono le impronte dell'attività umana che mettono in pericolo l'atmosfera", ha dichiarato Gavin A. Schmidt, direttore del Goddard Institute for Space Studies, che ha condotto l'analisi della NASA. "Sappiamo che questo è causato dalle attività umane."

La media per il 2019 è stata solo di una piccola frazione di grado in meno rispetto al 2016, un anno con la forte presenza di El Niño, quando i cambiamenti nell'oceano e nell'aria nell'Oceano Pacifico equatoriale hanno portato a mutare il meteo in tutto il mondo e hanno pompato molto calore dal Pacifico in atmosfera.

Dagli anni '60, ogni decennio è stato più caldo di quello precedente, in quantità significative. Gli anni 2010 hanno continuato questa tendenza, ma la seconda metà del decennio è stata particolarmente calda. Se, al posto di analizzare i decenni, analizzassimo i quinquenni, otterremmo ancora un record di caldo da parte di quello appena trascorso.

"Siamo entrati in una nuova epoca negli ultimi cinque anni", ha affermato Deke Arndt, capo della sezione di monitoraggio dei Centri nazionali per le informazioni ambientali, che ha condotto la ricerca NOAA.

NASA e NOAA effettuano analisi indipendenti ma utilizzano la maggior parte degli stessi dati di temperatura, che vengono raccolti in mare da navi e boe e sulla terra da decine di migliaia di stazioni di osservazione coordinate da agenzie meteorologiche USA. Questo set di dati esaustivo viene quindi corretto da errori e fattori meno ovvi, come lo spostamento di una stazione meteorologica da un anno all'altro, che potrebbero influenzare l'analisi.

Gli studi tengono conto del contributo di influenze naturali, o forzature, sul clima, come le eruzioni vulcaniche che possono temporaneamente raffreddare l'atmosfera o cambiamenti regolari nel ciclo orbitale terrestre.

"Alla fine rileviamo un'enorme discrepanza", ha detto il dottor Schmidt. "Questo ci dice che i forzanti naturali non sono in grado di spiegare le tendenze che abbiamo visto dal 19° secolo."

I due studi differiscono solo leggermente, ma le conclusioni generali sono le stesse. E i risultati corrispondono strettamente a quelli delle analisi di agenzie all'estero e di gruppi privati, incluso uno pubblicato la scorsa settimana da un'agenzia europea per il clima che si basava più sulla modellizzazione informatica che sui dati osservativi del 2019.

Solo alcune parti del mondo, in particolare il Canada centrale e la Pianura settentrionale negli Stati Uniti, presentano condizioni più fredde della media. Alcune regioni hanno mostrato un riscaldamento estremo, con impatti devastanti in alcuni casi.

L'Australia (vedi In ​​Australia brucia il nostro stile di vita) è nota per il suo caldo estivo, ma il 2019 è stato eccezionalmente caldo, con temperature di 1,5 gradi Celsius superiori alla media della metà del 20° secolo, secondo il Bureau of Meteorology del governo australiano. Combinato con i totali delle basse piogge (a dicembre il paese ha registrato la minor quantità di pioggia registrata) il caldo ha contribuito a una grave siccità che ha attanagliato la maggior parte del paese dal 2017.

Il caldo ha anche contribuito ad alimentare gli incendi che sono iniziati a settembre e hanno continuato a bruciare in gran parte dell'Australia orientale. Il calore prolungato aspira più umidità dalla vegetazione, rendendola più suscettibile alla combustione.

L'anno scorso è stato il più caldo anche per l'Alaska, secondo quanto riportato da NOAA in un'analisi di questo mese. I record di temperatura di tutti i tempi sono stati stabiliti in tutto lo stato, anche ad Anchorage, la città più grande. In un fine settimana all'inizio di luglio, ci sono stati numerosi giorni consecutivi di temperature medie record in tutto lo stato.

Ma il 2019 ha continuato solo una tendenza al riscaldamento a lungo termine, che ha portato a un aumento dello scioglimento di migliaia di ghiacciai, allo scongelamento del terreno permanentemente ghiacciato o al permafrost e alla mancanza di copertura del ghiaccio marino in alcune delle acque artiche che circondano l'Alaska.

Il mare di Bering, al largo della costa nord-occidentale dell'Alaska, è stato privo di ghiaccio per gran parte dell'anno. Le immagini satellitari scattate a fine marzo hanno mostrato in gran parte acque libere in un momento in cui il mare è normalmente completamente coperto di ghiaccio. Si pensa che la mancanza di ghiaccio abbia contribuito all'aumento del riscaldamento in tutto lo stato: si tratta di un circolo vizioso in cui il riscaldamento crea condizioni che portano a un maggiore riscaldamento.

Come in Australia, il caldo estremo nell'Africa meridionale ha contribuito alla peggiore siccità della regione negli ultimi decenni.

Lo Zambia e lo Zimbabwe sono i più colpiti, con milioni di persone che soffrono di carenza di cibo poiché la produzione di mais e altri cereali diminuisce del 30% o più.

Anche la fornitura di elettricità dei paesi è a rischio, poiché i livelli delle acque lungo lo Zambesi, uno dei maggiori fiumi dell'Africa, sono eccezionalmente bassi. In condizioni normali, lo Zambia e lo Zimbabwe si fermano per l'elettricità da una diga sullo Zambesi; il serbatoio della diga è attualmente a meno del 20% della capacità.

Scrivi un commento