riusa logotype

In ​​Australia brucia il nostro stile di vita

I tempi e l'intensità degli incendi in Australia non hanno precedenti. Con le foreste se ne va l'umanità e il suo attuale stile di vita.

Decine di incendi sono scoppiati nel Nuovo Galles del Sud, in Australia, spingendo il governo a dichiarare lo stato di emergenza a novembre. Gli incendi si diffondono rapidamente in tutti gli stati per diventare i più devastanti mai registrati. Un'area circa il doppio del Belgio, circa 6 milioni di ettari, è stata distrutta. Almeno 24 persone sono morte, tra cui almeno tre vigili del fuoco volontari e altre disperse. Più di 1.300 case sono state distrutte, altre centinaia danneggiate. Mentre le fiamme si intensificavano nei giorni che precedono la vigilia di Capodanno, migliaia di persone costrette a evacuare hanno cercato rifugio sulle spiagge del Nuovo Galles del Sud e Victoria. Più di 100 incendi sono ancora straordinariamente attivi.

Il fumo è un altro disastro. Il 1° gennaio, la capitale australiana ha registrato il peggior inquinamento mai visto, con un indice di qualità dell'aria 23 volte superiore a quello considerato "pericoloso". Il fumo nella città si è insinuato nelle sale parto, ha impedito il funzionamento delle macchine per risonanza magnetica e innescato problemi respiratori in una donna anziana che è morta poco dopo essere scesa da un aereo.

Il fumo ha raggiunto la Nuova Zelanda, a 1.600 chilometri di distanza, dove ha creato scene inquietanti sulle cime coperte da ghiacciai. I pennacchi erano così spessi che sono stati fotografati da un satellite della NASA dallo spazio.

Gli incendi si sono verificati in tutti i sei stati australiani, ma il Nuovo Galles del Sud ha sofferto il peggio. Quasi mezzo miliardo di animali, tra cui mammiferi, uccelli e rettili, ha perso la vita nelle fiamme nel solo Nuovo Galles del Sud. Una perdita sbalorditiva che è probabilmente una sottostima, secondo l'Università di Sydney. 8.000 koala, un terzo di tutti i koala del Nuovo Galles del Sud, sono morti. Circa il 30 percento dell'habitat dei koala è stato spazzato via. La devastazione si aggiunge alle pressioni già esistenti sugli ecosistemi unici dell'Australia. Il continente ospita 244 specie, incluso il koala, che non si trovano da nessun'altra parte. La regione ha anche il più alto tasso di mammiferi autoctoni estinti negli ultimi 200 anni.

I potenziali impatti sulla fauna selvatica sono devastanti. Non si potrà capire quanto sia effettivamente grave per molti anni. Alcuni ecosistemi, come le foreste di eucalipti, si sono adattati al fuoco e torneranno. Ma l'Australia è anche la patria di sacche di vegetazione, abitate da specie che sono riuscite a sopravvivere per milioni di anni. Sono resti incredibili dell'era dei dinosauri, non adattati al fuoco. Quelli colpiti dagli incendi, spariranno.

L'estate si estende da dicembre a febbraio in Australia, con la stagione degli incendi che in genere raggiunge il picco tra la fine di gennaio e l'inizio di febbraio, quindi il disastro dovrebbe continuare. Il 3 gennaio, i funzionari hanno avvertito che le condizioni sarebbero peggiorate nei giorni seguenti.

Durante i Golden Globes il 5 gennaio, celebrità come Joaquin Phoenix, Ellen DeGeneres, Patricia Arquette e Cate Blanchett hanno condiviso la loro preoccupazione per gli incendi. L'attore australiano Russell Crowe ha saltato la cerimonia di premiazione a causa degli incendi (la sua casa è stata danneggiata dagli incendi a novembre), ma Jennifer Aniston ha letto un suo messaggio. "Non raccontiamoci storie. La tragedia che si sta verificando in Australia è dovuta al cambiamento climatico," dice Crowe.

Le tempeste di fuoco non sono nuove in Australia. È in genere un clima caldo e secco, simile a quello della California o del Mediterraneo. Le foreste di eucalipti in Australia hanno una relazione unica con il fuoco: gli alberi in realtà dipendono dal fuoco per liberare i loro semi.

Gli incendi di questa stagione, tuttavia, non hanno precedenti. È una stagione degli incendi molto più precoce e gli incendi sono diventati molto grandi, molto presto. Le condizioni meteorologiche che alimentano gli incendi sono storiche. L'Australia ha registrato il giorno più caldo registrato il 18 dicembre, raggiungendo una temperatura media nazionale di 41,9°C. Il caldo estremo e la siccità creano le condizioni per alimentare gli incendi. L'intensità e la frequenza accresciute degli incendi sono in linea con le previsioni degli scienziati per un mondo in fase di riscaldamento.

Questo caldo estremo, queste condizioni estreme si stanno producendo all'inizio della stagione con un'intensità che normalmente non si vede in Australia. Il governo del premier Scott Morrison sta affrontando critiche per aver remato contro gli sforzi per il clima durante la conferenza delle Nazioni Unite a Madrid a dicembre (vedi COP25: mezzo fallimento a Madrid).

Per tenere sotto controllo gli incendi, l'Australia fa molto affidamento su vigili del fuoco volontari, specialmente nei boschi rurali dove si manifesta gran parte degli incendi. La risposta al fuoco si basa maggiormente sugli sforzi della comunità. L'attuale crisi ha portato ad alcuni cambiamenti politici. I volontari che hanno perso il lavoro per combattere le fiamme, saranno rimborsati dal governo. L'esercito australiano ha inviato i propri aerei e navi e 3000 riservisti dell'esercito in ausilio ai volontari. L'aiuto arriva anche dall'estero: gli Stati Uniti e il Canada hanno inviato vigili del fuoco per combattere gli incendi.

Gli esperti sostengono che in condizioni estreme non c'è molto di più che i vigili del fuoco possano fare per il momento. Resta solo da aspettare che gli incendi si esauriscano e bruci tutto il bruciabile. Non è umanamente possibile spegnere questi incendi.

Scrivi un commento