riusa logotype

Madrid ferma il traffico

Madrid

Limiti drastici alla circolazione di vetture, per diminuire l'inquinamento, nella capitale spagnola.

Madrid ha lanciato la scorsa settimana un ambizioso piano di restrizione del traffico nel centro della città con il quale spera di ridurre le emissioni di gas del 40%, ottenendo ovviamente reazioni contrastanti.

Il sistema "Madrid Central" copre il centro storico della capitale spagnola e mira a "ridurre l'inquinamento, il rumore e migliorare gli spazi pubblici", secondo la giunta di sinistra, che sprona l'utilizzo dell'abbondante offerta di trasporti pubblici e della bicicletta.

In questo modo Madrid segue i passi di altre città europee come Londra, Stoccolma o Milano, che stanno limitando il traffico nei loro centri. Nel caso delle altre città europee, però, i conducenti possono pagare per entrare. Nella capitale spagnola, invece, molti veicoli sono completamente banditi dall'accedere al centro e saranno multati se lo faranno.

Tra i pochi ammessi ammessi nella zona, contrassegnati da una linea rossa sulla strada, ci sono residenti, camion che trasportano merci, taxi, autobus, scuola, sicurezza e veicoli di emergenza.

Sono ammessi anche veicoli elettrici o ibridi appartenenti a non residenti e il resto può entrare solo se parcheggiano in un parcheggio.

I residenti hanno la possibilità di dare ai propri ospiti fino a 20 inviti al mese per entrare senza essere multati. Nella sua prima fase fino alla fine dell'anno, le autorità non multeranno nessuno e la polizia informerà i conducenti solo se possono o non possono entrare.

A gennaio e febbraio, le persone inizieranno a essere informate di aver commesso un reato, senza dover pagare una multa. Da marzo, i conducenti che entrano illegalmente saranno multati di 90 euro.

L'inquinamento atmosferico è un problema urgente a Madrid, dove una nuvola di smog copre la capitale nelle giornate limpide. Ovviamente, dicevamo, per qualcuno non è una buona notizia. I cittadini, sempre pronti a ribellarsi per qualche centesimo nel prezzo della benzina (vedi Casacche gialle contro Parigi), sono sempre piuttosto restii a sacrificarsi per il bene comune.

"Stanno discriminando le persone in base al loro livello di reddito," ha detto Fernando Ahumada, proprietario di un piccolo negozio di sigarette nel centro città. "Se sei ricco, non c'è problema: comprati un'auto elettrica e ti muovi, ma se sei povero, con la tua auto, muori. Il fatto che un municipio di sinistra stia facendo questo è terrificante." Ahumada dice di temere che il suo reddito aziendale diminuisca man mano che meno persone vengono al centro.

Ma nel settore turistico, nel quartiere Las Letras di Madrid, un altro negoziante, Juan Ramirez, sostiene il contrario. "Penso che sia necessario, perché cammini e ci sono macchine dappertutto, e l'aria è sporca," dice. "Le persone dovrebbero usare le biciclette."

Scrivi un commento