riusa logotype

Rifiuti urbani nel terzo mondo

Per gli abitanti delle baraccopoli urbane, i rifiuti sono un problema ancora maggiore che per noi. Uno studio della Banca Mondiale traccia il percorso per affrontarli.

La scorsa settimana la Banca Mondiale ha pubblicato un aggiornamento 2.0 del suo rapporto What a Waste. Lo studio evidenzia come oltre il 90% dei rifiuti nei paesi a basso reddito viene scaricato o bruciato all'aperto. È un fatto che riguarda tutti, ma colpisce di più le persone povere.

La spazzatura è raramente efficacemente raccolta nei loro quartieri. Provoca inquinamento (incluso il 5% delle emissioni globali dei cambiamenti climatici per la combustione), funge da terreno fertile per le zanzare e altre malattie, e blocca i servizi igienici e gli scarichi.
Può anche aggravare l'impatto delle inondazioni. Frane di discariche hanno sepolto case in molti eventi. È probabile che la situazione peggiori, poiché la combinazione di urbanizzazione e crescita della popolazione, unitamente a un consumo crescente, porterà a un aumento del 70% dei rifiuti globali nei prossimi 30 anni.

Oltre a un'adeguata pianificazione dei rifiuti nei paesi ricchi, è necessario muoversi efficacemente in quelli poveri. Sono molte le ONG che si dedicano al sostegno alle comunità povere urbane in Africa e Asia meridionale. Da loro, oltre che dalla Banca Mondiale, provengono gli allerta, poiché loro hanno assistito ai cambiamenti in prima persona e hanno accumulato esperienza nel tempo su come lavorare efficacemente in questi contesti.

Practical Action, per esempio, lavora sui servizi di base: acqua, servizi igienici, igiene e gestione dei rifiuti solidi. In questo modo aiuta le popolazioni servite a vivere una vita più sana, meno gravata dalla lotta di servizi inadeguati e condizioni spiacevoli e pericolose.

Aiuta a ripristinare la dignità e assicurarsi che si sentano inclusi come parte della città. Ma può anche essere un "gateway" per aiutarli a risolvere altri problemi che devono affrontare. Il lavoro delle ONG è prezioso perché le autorità locali urbane possono essere scarsamente dotate di personale e risorse, mancare di conoscenza delle ultime tecnologie appropriate, meccanismi di finanziamento o idee per le partnership.

Il settore informale esistente svolge un ruolo importante nella fornitura di servizi essenziali in materia di igiene, approvvigionamento idrico e raccolta e riciclaggio della spazzatura. Il rapporto della Banca Mondiale suggerisce che ci siano 15 milioni di raccoglitori di rifiuti informali nel mondo e che, se supportati per organizzare questo lavoro, possano essere trasformati per fornire mezzi di sussistenza decenti e supportare i comuni nella fornitura di un buon servizio. Possono essere al centro dell'economia circolare e modelli di crescita verde e inclusiva.

Gli strumenti che ONG e comunità locali dovrebbero adottare sono la pianificazione partecipativa con gli abitanti delle baraccopoli, l'uso di tecnologie appropriate per la raccolta e il riciclaggio di rifiuti e fanghi (compostaggio, separazione meccanica e manuale), inclusione sociale (cooperative di lavoro per lavoratori informali).

Occorre una visione di insieme e la collaborazione con competenze diverse, per esempio collegare la gestione dei rifiuti solidi con l'energia (tecnologie del biogas) o con l'agronomia (compostaggio di fanghi fecali e scarti di cucina).

"La gestione dei rifiuti rispettosa dell'ambiente tocca tanti aspetti critici dello sviluppo," ha dichiarato Silpa Kaza, specialista in sviluppo urbano della Banca mondiale e autrice principale del report What a Waste 2.0. "Tuttavia, la gestione dei rifiuti solidi è spesso trascurata quando si tratta di progettare città e comunità sostenibili, sane e inclusive. I governi devono intraprendere azioni urgenti per affrontare la gestione dei rifiuti per le loro persone e il pianeta."

Passare alla gestione sostenibile dei rifiuti richiede sforzi duraturi e un costo significativo. Secondo What a Waste 2.0, la gestione dei rifiuti può essere l'unico elemento di budget alto per molte amministrazioni locali. Nei paesi a basso reddito, comprende in media il 20% dei budget municipali.

La ricerca suggerisce inoltre che comunque ha senso economico investire nella gestione sostenibile dei rifiuti. Rifiuti non smaltiti e rifiuti scarsamente smaltiti hanno impatti significativi sulla salute e sull'ambiente. Il costo per affrontare questi impatti è molte volte superiore al costo di sviluppo e gestione di sistemi di gestione dei rifiuti semplici e adeguati.

Per aiutare a soddisfare la domanda di finanziamenti, la Banca Mondiale sta lavorando con paesi, città e partner in tutto il mondo per creare e finanziare soluzioni efficaci che possano portare a guadagni in termini di capitale ambientale, sociale e umano.

Dal 2000, la Banca Mondiale ha impegnato oltre 4,7 miliardi di dollari in oltre 340 programmi di gestione dei rifiuti solidi in tutto il mondo, come le seguenti iniziative e aree di impegno.

Scrivi un commento