riusa logotype

Il movimento plastica-zero ora fa paura

Il movimento per la sostenibilità sta sconvolgendo l'industria delle materie plastiche. Secondo uno studio IHS Markit i produttori devono escogitare strategie di profondo cambiamento.

Il crescente movimento globale per la sostenibilità delle materie plastiche è uno delle maggiori preoccupazioni potenziali per l'industria delle materie plastiche e sta mettendo a rischio la futura domanda di resina plastica e miliardi di euro di investimenti industriali. Gli sforzi di sostenibilità intorno alla plastica avranno, infatti, implicazioni significative per l'intera catena del valore petrolchimico, che si estenderà ai mercati delle materie prime, secondo la ricerca iniziale di IHS Markit.

Lo studio, Plastics Sustainability - A Sea Change: Plastics Pathway to Sustainability, svolto da una squadra di ricerca guidata da IHS Markit, offre un'analisi del caso-base (chiamato trend line) e di un caso alternativo (massima soglia vitale) sulla domanda di materie plastiche per sei mercati chiave della plastica. Lo studio fornisce una visione granulare dell'impatto della sostenibilità su specifici segmenti per queste resine plastiche, nonché un'analisi delle implicazioni per i prodotti chimici di base e le materie prime a monte per gli anni dal 2018 al 2030.

Spinti dalle immagini del "Great Pacific Garbage Patch", l'isola di plastica di cui abbiamo parlato in La grande isola di plastica del Pacifico, molti consumatori sono diventati sempre più espliciti riguardo all'uso e al riciclo delle materie plastiche. In alcuni casi, i consumatori spingono al divieto di materie plastiche, in particolare la plastica monouso, o scelgono prodotti sostitutivi per ridurre al minimo i rifiuti di plastica o entrambi, ha affermato IHS. L'ondata di sdegno per le conseguenze ambientali della plastica comincia a far paura, a quanto pare.

Alcune cifre condivise sia dalla Ellen Macarthur Foundation che dal World Economic Forum, stimano che entro il 2050 ci saranno più plastica dei pesci nell'oceano, e che ogni anno, secondo THE OCEAN CLEANUP, vengono aggiunti otto milioni di tonnellate di rifiuti di plastica negli oceani del mondo, in gran parte provenienti da fiumi dell'Asia. Entro il 2025, l'ONG stima che la quantità di rifiuti di plastica aggiunti agli oceani del mondo sarà quasi il doppio.

"La sostenibilità della plastica è di gran lunga il problema più critico per i prodotti chimici di base e materie plastiche di base nei decenni a venire", ha affermato Nick Vafiadis, vicepresidente della ricerca sulle materie plastiche presso IHS Markit e autore principale del rapporto IHS Markit.

"Durante lo scorso decennio, abbiamo assistito a un rapido aumento dell'attivismo dei consumatori e dei divieti e restrizioni regolamentari relativi al consumo di plastica e alla gestione dei rifiuti di plastica, in particolare per quanto riguarda le materie plastiche monouso. Questa è una tendenza che continuerà e l'intera catena del valore petrolchimico sarà influenzata dai prossimi cambiamenti nella crescita della domanda di plastica, che è quello che cerchiamo di chiarire e quantificare nello studio," ha detto Vafiadis.

"Questo problema della sostenibilità delle materie plastiche è, forse, uno degli elementi di mercato meno compresi da un punto di vista della domanda, dell'offerta, della regolamentazione e della tecnologia," ha detto Vafiadis.

"È una sfida che coinvolge ogni partecipante della catena del valore, dall'energia al consumatore, comprendendo sia il settore pubblico che quello privato. È importante sottolineare che la sostenibilità delle materie plastiche è anche uno dei maggiori perturbanti potenziali sul fronte delle politiche e una questione che potrebbe portare a una maggiore regolamentazione (compresi i divieti) e/o la deselezione da parte di consumatori, dettaglianti e proprietari di marchi."

Apprendiamo così che per i mega-industriali della plastica il problema della dispersione esiste, e non sta certo nelle conseguenze ambientali, ma solo nella sensibilità dei consumatori. Non è molto, ma è sempre un punto di partenza.

Lo studio IHS Markit esamina i cambiamenti normativi, i divieti e le iniziative politiche nei principali paesi e regioni, tra cui Cina, Europa, India, Stati Uniti e Canada. La ricerca è coadiuvata da More Recycling, una società di consulenza specializzata nel riciclaggio di materiali post-consumo, in particolare plastica, e da Environmental Packaging International, una società di consulenza specializzata in conformità ambientale, gestione del prodotto e sostenibilità relativa al packaging e ai prodotti.

"I comuni e i governi hanno anche il compito di investire per la crescita per garantire che abbiano un'infrastruttura di riciclaggio completa che sia ottimale e soddisfi le aspettative dei componenti, ma sia anche adeguatamente finanziata. Ciò richiede un'enorme pianificazione e una visione a più livelli," sostiene Vafiadis. In pratica: per sostenere gli interessi dell'industria della plastica, la pubblica amministrazione dovrebbe investire nel riciclo e nella raccolta.

Lo studio IHS Markit propone di fare uno sforzo costante per affrontare la futura crescita della domanda di mercato per le materie plastiche tradizionali, tra cui polietilene (PE, tra cui ad alta densità, bassa densità e lineare, a bassa densità), polipropilene (PP), polistirene (PS), polistirene espanso (EPS), polietilene tereftalato (PET) e polivinilcloruro (PVC). Lo studio esaminerà anche le tecnologie più recenti e in evoluzione, le resine post-consumo (PCR) e le opzioni più sostenibili come le plastiche a base biologica, le plastiche biodegradabili, le sostanze chimiche rinnovabili e il riciclaggio.

Secondo IHS Markit, la domanda globale di PE, la plastica più utilizzata al mondo, è quasi raddoppiata negli ultimi 20 anni. IHS Markit prevede che la domanda globale di PE per il 2018 superi i 100 milioni di tonnellate (MMT). Tuttavia, nuove e significative pressioni sul mercato, tra cui un aumento delle aspettative dei consumatori sulla sostenibilità e un restringimento delle normative ambientali in mercati maturi come l'Europa e mercati di crescita chiave come la Cina, potrebbero minacciare la crescita futura della domanda, motivo per cui i produttori sono desiderosi di comprendere e piano per le implicazioni, ha detto Vafiadis.

Secondo Robin Waters, direttore, pianificazione e analisi delle materie plastiche, prodotti chimici, presso IHS Markit e coautore dello studio IHS Markit, si sta verificando un chiaro cambiamento nell'approccio dei consumatori, passando da reattivo a proattivo. "Nella fase reattiva, l'obiettivo era prevenire la dispersione di rifiuti e concentrarsi sui rifiuti di plastica, e sul loro smaltimento gestito (incenerimento, discarica, esportazione, riciclaggio)" ha affermato Waters.

"Ora, ci concentriamo sulla circolarità, spesso descritta come un'economia circolare, che costringe il produttore all'attenta gestione e riutilizzo della plastica e alla riduzione dei rifiuti finali," ha affermato Waters.

L'Europa utilizza un approccio su tre fronti per raggiungere questo obiettivo fissando obiettivi per il riciclaggio della plastica, consentendo la conformità tramite EPR (responsabilità estesa del produttore), creando un quadro legislativo per attuare la conformità inclusa la tassazione e quindi introducendo un meccanismo di certificazione per l'eco-design. Questo standard di progettazione renderà i progetti circolari e consentirà l'approvazione dei prodotti in modo che siano basati non solo su funzionalità, prestazioni o costi, ma sulla circolarità, quindi siano riciclabili al 100%.

La pressione dell'opinione pubblica sta ottenendo risultati: l'industria della plastica deve correre ai ripari per migliorare la filiera del riciclo, in tutte le fasi. Ovviamente, chiede che i governi e i comuni finanzino la cosa, ma è comprensibile. Il pericolo sarebbe l'emergenza delle cosiddette bioplastiche, che come abbiamo visto in La bufala della bioplastica, potrebbe creare confusione e spaccare il fronte dei consumatori, ora apparentemente compatti nel difendere gli oceani.

Scrivi un commento