riusa logotype

Terra: il pianeta dei polli

Uno studio analizza numericamente ed evolutivamente il pollo, animale simbolo dell'Antropocene.

Grazie alla presenza di circa 23 miliardi di individui sul pianeta, il pollo è il simbolo del modo in cui modelliamo l'ambiente, affermano gli scienziati.

"Il numero di polli è un ordine di grandezza più alto di qualsiasi altra specie di uccello oggi," ha detto Carys Bennett, geologa presso l'Università di Leicester, che ha guidato uno studio sulle ossa di pollo nei siti archeologici, dimostrando che l'uccello che conosciamo oggi sia stato modificato oltre misura rispetto ai suoi antenati.

"Si potrebbe dire che viviamo nel pianeta dei polli." I numeri in effetti sono impressionanti: 65,8 miliardi è il numero di polli macellati nel 2014, rispetto a 1,5 miliardi di suini e 0,3 miliardi di bovini. Di questi, il 70% provengono da allevati intensivi.

Per fare un paragone, la popolazione del piccione viaggiatore, ora estinto, che si ritiene essere l'uccello selvatico più comune nella storia dell'umanità, ha raggiunto il suo apice attorno al 1800, con una popolazione di 3 miliardi di individui.

I ricercatori hanno usato la documentazione archeologica per vedere come i polli sono cambiati nel corso degli anni. Siamo entrati nell'Antropocene, il periodo in cui l'attività umana è l'influenza dominante sul clima e sull'ambiente.

"Le attività umane hanno alterato i paesaggi della Terra, gli oceani, l'atmosfera e la superficie terrestre," ha affermato la dottoressa Bennett.

"I polli moderni sono un simbolo di come è cambiata la nostra biosfera, e come sono cambiate le specie più numerose di vertebrati terrestri sul pianeta: ovvero con una biologia modellata dall'uomo."

L'evoluzione di solito avviene per un periodo di milioni di anni, ma il pollo è cambiato molto più rapidamente. Il pollo da supermercato è l'esito di un'evoluzione artificiale, che potremmo definire declino.

Quando le generazioni future esamineranno le rocce del nostro tempo, probabilmente vedranno "barattoli di latta, bottiglie di vetro e pezzi di materiale che una volta erano di plastica, e tra loro ci saranno ossa di polli."

Il pollo domestico discende dal pollo rosso della giungla, originario del sud-est asiatico tropicale. L'uccello fu addomesticato per la prima volta circa 8000 anni fa e si diffuse rapidamente in tutto il mondo, per essere usato per carne e uova.

Negli anni '50 fu lanciato il "programma pollo-del-domani" per produrre uccelli più grandi. Da allora, l'uccello ha subito cambiamenti straordinari. È stato selezionato in modo selettivo per ingrassare velocemente, il che è evidente dal suo corpo, dalla chimica e dalla genetica delle sue ossa.

Nel frattempo, il pollo arrosto è passato dall'essere un piacere occasionale a una consuetudine crapulona anche delle fasce più povere. Oggi, venduto già spiumato, pulito e cotto a prezzi irrisori, rappresenta una contraddizione del nostro pianeta.

Scrivi un commento

Utente anonimo: Ortensi Paola

In campagna polli e galline

Leggendo l'articolo indubbiamente interessante mi è venuta l'idea di aggiungere due concetti che mi sembrano degni di essere collegati a quanto scritto per arricchire l'argomento.

Il primo è che il pollo offre la carne compatibile con ognuna delle grandi religioni monoteiste e questo ne ha favorito l'uso massiccio; l'altro punto è che partendo dall'ottica dell'agricoltura e delle infinità di aziende contadine ancora presenti nel mondo, numerosissima è la biodiversità offerta da polli e galline, e anzi la ricerca attenta di nuove "razze" in estinzione è presente tra molti agricoltori anche in Italia.

Paola Ortensi