riusa logotype

Bici, casco e bike-sharing

A Seattle battuta di arresto per i sostenitori del casco obbligatorio. Nessuno usava più il bike-sharing, così è stato virtualmente abolito.

La legge sul casco obbligatorio è stata uno dei fattori alla base del fallimento di uno dei primi sistemi di condivisione di biciclette negli Stati Uniti.

Marie-Ève ​​Assunçao-Denis, impiegata del Comune al servizio di EcoMobilità, ha parlato a una sessione del Global Public Transport Summit, e ha spiegato che la legge di Seattle, che ha reso i caschi obbligatori per i ciclisti, ha avuto un impatto negativo sulla condivisione della biciclette, riducendo l'opportunità dell'uso non programmato della bicicletta.

"Le persone che vogliono prendere una bicicletta, e non hanno programmato di farlo, non possono avere un casco con sé, quindi non la usano, il che porta a meno persone a pedalare," ha dichiarato. "Questo significa quindi che ci sono meno persone nelle strade in bicicletta, il che porta ad una minore percezione della sicurezza poiché le persone non vedono altri ciclisti."

Il sistema di bike-sharing è stato quindi chiuso nel 2017 a causa della mancanza di consenso politico e mediatico, scarsa percezione da parte del pubblico, mancanza di interconnessione con il trasporto pubblico e una strategia inefficiente di mobilità.

Più tardi, nello stesso anno, Seattle ha lanciato un sistema di condivisione di biciclette, questa volta dock-less (vedi Piccoli fallimenti crescono) con tre società. Questa volta la città ha chiesto alla polizia di essere flessibile per quanto riguarda l'uso obbligatorio del casco.

Secondo il Comune, non si tratterebbe di una sconfessione totale della norma sul casco. Infatti, nessuno avrebbe detto: "Non date multe a chi non indossa il caschetto," ma piuttosto: "usate flessibilità per valutare le circostanze." Cosa significhi la parola flessibilità è facile capirlo, soprattutto il suo confine con la parola impunità.

L'esperimento ha avuto successo con un utilizzo molto più elevato rispetto al precedente sistema di bike-sharing con i dock, e per questo è stato reso permanente nell'estate del 2018. Quattro società con 20.000 bici ora gestiscono il nuovo sistema dock-less di Seattle. Basato sulla flessibilità.

Secondo il municipio di Seattle, il successo di questo secondo tentativo non è dovuto solo all'interpretazione flessibile della legge sul casco. "C'è stato un consenso politico, pubblico e dei media molto maggiore, questa volta," ha dichiarato ​​Assunçao-Denis.

Inoltre, la concorrenza tra le aziende fornitrici ha contribuito a mantenere servizi di buona qualità e sono state implementate multe per ridurre le biciclette abbandonate o danneggiate, qui senza flessibilità. Un rigoroso quadro normativo per le operazioni ha svolto un ruolo e vi è l'obbligo per le aziende di condividere i propri dati con la città.

A dispetto dei tentativi di minimizzazione della signora Assunçao-Denis, è evidente che l'istituzione del casco obbligatorio stava creando un grave vulnus alla mobilità ciclistica cittadina, e solo l'espediente della flessibilità, in pratica la sua abrogazione, ha posto rimedio a una situazione imbarazzante.

Nonostante le migliori intenzioni dei suoi sostenitori, il casco obbligatorio rende pesante e burocratizzata la circolazione delle biciclette, e paradossalmente mette a repentaglio la sicurezza dei ciclisti più della sua liberalizzazione: infatti la scarsità di biciclette in circolazione istiga negli automobilisti comportamenti pericolosi per i pochi ciclisti irriducibili.

Le città in cui i ciclisti sono più sicuri sono, non a caso, Amsterdam, Copenhagen e Utrecht. Amsterdam, per esempio, ha quasi 900.000 biciclette circolanti in città, un numero quattro volte superiore a quello delle automobili. E lì le leggi sulla circolazione delle bici sono poco restrittive e applicate con notevole flessibilità, come si vede dalle fotografie di molti siti web dedicati all'argomento.

Scrivi un commento