riusa logotype

Carta riciclata: eccedenze UE in Turchia?

In un momento delicato per la discutibile politica estera di Erdogan, la Turchia è disponibile a ritirare fibra di carta riciclata in eccedenza dall'Europa.

La Turchia potrebbe diventare la destinazione di una proporzione significativa del surplus di fibre recuperate in Europa nei prossimi 3-4 anni, è stato detto nell'ultima riunione della Divisione Carta della BIR, l'associazione dei raccoglitori e riciclatori della carta.

Entro il 2023, si prevede che le cartiere turche avranno sviluppato una capacità di produzione annua combinata compresa tra 6 e 7 milioni di tonnellate. Tuttavia, il tasso di raccolta nel paese di circa il 40% è ben al di sotto di quello raggiunto da molti paesi sviluppati e "non sta aumentando", secondo Ercan Yürekli di TÜDAM, l'associazione nazionale di riciclatori e raccoglitori di carta e plastica turchi.

Di conseguenza, ha calcolato, saranno necessarie importazioni annue in Turchia da 2 a 3 milioni di tonnellate di fibre recuperate, il che significa che il paese potrebbe fornire "una soluzione per alcune eccedenze dell'Europa".

In base alle attuali normative sulla gestione dei rifiuti in Turchia, solo i riciclatori possono importare carta recuperata, mentre le società di raccolta non possono. Le importazioni del paese sono aumentate da poco più di 300.000 tonnellate nel 2015 a oltre 725.000 tonnellate nel 2018, con una cifra prossima a 1 milione di tonnellate prevista per il 2019.

Nuove capacità stanno emergendo anche in Svezia, secondo quanto riferito dal vicepresidente di divisione Martin Leander di Stena Metall International AB. Allo stesso tempo, i settori dell'isolamento e dell'igiene hanno sperimentato un uso più ampio della fibra recuperata nei loro prodotti.

All'inizio della riunione della Divisione Carta della BIR a Budapest il 15 ottobre, il delegato generale dell'organo Sébastien Ricard, con sede in Francia, Paprec, ha spiegato che il surplus strutturale europeo di fibre recuperate si sta attualmente avvicinando a 8 milioni di tonnellate all'anno, con raccolte annuali di 56,7 milioni di tonnellate che superano i consumi di 48,8 milioni di tonnellate. "Quindi abbiamo bisogno di esportazioni in Europa", ha sottolineato. "Abbiamo bisogno di nuovi mercati".

Fino a poco tempo fa, la domanda cinese di fibra europea rappresentava il fattore di bilanciamento del mercato. Tuttavia, il recente spostamento della politica cinese ha comportato un forte calo delle sue importazioni complessive di fibre (da circa 28 milioni di tonnellate nel 2017 a forse solo 5 milioni di tonnellate l'anno prossimo, secondo Yürekli).

Con le opportunità di vendita in Cina descritte da Ricard come "molto poche", i prezzi in Europa sono "crollati" e il cartone è attualmente intorno al minimo registrato nell'agosto 2009. I mulini hanno approfittato delle forti riduzioni dei prezzi delle fibre diventando "più esigenti in termini di qualità", ha aggiunto Ricard.

Il vicepresidente della Divisione BIR Martin Soth di Pieringer Abfall Verwertung GmbH in Austria ha sottolineato il calo dei prezzi nell'Europa orientale e problemi con le consegne perché le società occidentali hanno mantenuto ben riforniti i mulini della regione, cosa che non era accaduta, ha aggiunto, quando la Cina era più attiva nel mercato.

Supportati da fattori come la continua crescita dello shopping online, i prezzi del cartone potrebbero aumentare in un certo momento in futuro "ma con un aumento costante in termini di qualità", ha concluso Ricard.

Scrivi un commento