riusa logotype

L'eolico offshore potrebbe elettrificare il mondo

Secondo l'International Energy Agency, i parchi eolici offshore potrebbero fornire più elettricità di quanto il mondo abbia bisogno.

La costruzione di turbine eoliche nei migliori siti offshore del mondo potrebbe fornire energia pulita più che sufficiente per soddisfare la domanda globale di elettricità, secondo un rapporto dell'Agenzia internazionale dell'energia (IEA).

Uno studio dettagliato delle coste del mondo ha scoperto che, da soli, i parchi eolici offshore potrebbero fornire più elettricità del necessario al mondo, anche se fossero costruiti solo in regioni ventose in acque poco profonde vicino alla costa.

L'analisi della IEA ha rivelato che se i parchi eolici fossero costruiti in tutti i siti utilizzabili che non distano più di 60 km dalla costa e dove le acque costiere non sono più profonde di 60 metri, potrebbero generare 36.000 terawattora di elettricità rinnovabile un anno. L'attuale domanda globale di elettricità è di 23.000 terawattora.

"L'eolico offshore attualmente fornisce solo lo 0,3% della produzione globale di energia, ma il suo potenziale è enorme", ha affermato il direttore esecutivo della IEA, Fatih Birol.

Lo studio prevede che la generazione di energia eolica offshore crescerà di 15 volte per diventare un'industria da 1000 miliardi di dollari nei prossimi 20 anni e si rivelerà la prossima grande rivoluzione energetica.

La settimana scorsa la IEA aveva dichiarato che le forniture globali di elettricità rinnovabile stavano crescendo più rapidamente del previsto e potrebbero espandersi del 50% nei prossimi cinque anni, spinte da una ripresa dell'energia solare.

Ma l'energia eolica offshore trainerà la crescita mondiale dell'energia pulita a causa del crollo dei costi e delle nuove scoperte tecnologiche, tra cui turbine ad altezze vicine a quella della Torre Eiffel e installazioni galleggianti che possono sfruttare la velocità del vento più lontano dalla costa.

La prossima generazione di turbine galleggianti in grado di operare più lontano dalla costa potrebbe generare energia sufficiente per soddisfare la domanda totale di elettricità del mondo 11 volte nel 2040, secondo le stime della IEA.

Il rapporto prevede che la capacità eolica offshore dell'UE crescerà da quasi 20 gigawatt oggi a quasi 130 gigawatt entro il 2040 e potrebbe raggiungere 180 gigawatt con impegni climatici più forti.

In Cina, la crescita della generazione eolica offshore sarà probabilmente ancora più rapida. Si prevede che la sua capacità eolica offshore aumenterà da 4 gigawatt a 110 gigawatt entro il 2040 o 170 gigawatt se adotterà obiettivi climatici più rigidi.

Tutta questa potenza avrà però bisogno di essere immagazzinata e trasportata nei luoghi di utilizzo. Birol sostiene che questo ruolo potrà essere svolto in buona parte con la produzione di idrogeno, che può essere utilizzato al posto del gas combustibile fossile per il riscaldamento e l'industria pesante.

Il processo di produzione dell'idrogeno dall'acqua utilizza enormi quantità di elettricità ma un'abbondante energia eolica offshore a basso costo potrebbe contribuire a produrre un'alternativa a basso costo e zero carbonio al gas.

Nel Mare del Nord, le compagnie energetiche stanno già progettando di utilizzare l'elettricità generata da giganteschi parchi eolici offshore per trasformare l'acqua di mare in idrogeno in un progetto galleggiante di "idrogeno verde", sostenuto dal governo britannico. Il gas a combustione pulita potrebbe essere pompato a terra per riscaldare milioni di case entro il 2030. Il Regno Unito si è impegnato a raggiungere emissioni di carbonio nette pari a zero entro il 2050.

La sovrapposizione tra l'industria petrolifera e del gas in declino del Regno Unito e il fiorente settore eolico offshore potrebbe offrire importanti vantaggi economici per il Regno Unito, ha affermato Birol.

"L'eolico offshore offre un nuovo enorme portafoglio di attività per le principali società di ingegneria e compagnie petrolifere e del gas con una forte esperienza nella produzione offshore", ha affermato. "La nostra analisi mostra che il 40% del lavoro nella costruzione e manutenzione eolica offshore ha sinergie con le pratiche di petrolio e gas".

Scrivi un commento