riusa logotype

Incendi e alluvioni causati dal riscaldamento globale?

Acqua alta (quasi) record a Venezia e incendi in Australia: in che misura gli eventi meteorologici estremi sono collegati ai cambiamenti climatici?

Ci sono alcuni fattori fisici di base che aiutano a spiegare la portata delle inondazioni che hanno recentemente funestato l'Italia, in particolare Venezia.

L'equazione di Clausius-Clapeyron è un elemento chiave. Clausius e Clapeyron sono i cognomi dei meteorologi tedesco e francese che hanno scoperto che un'atmosfera più calda trattiene più umidità. Per ogni aumento di 1°C della temperatura, l'aria può contenere circa il 7% di vapore acqueo in più.

Quando si verificano tempeste che generano un rapido raffreddamento, si ottiene una pioggia più pesante che cade rapidamente, come è accaduto la scorsa settimana.

"Dato che le temperature sono più calde, si ottiene una pioggia più intensa, che da sola porta più inondazioni," sostiene il prof. Piers Forster dell'Università di Leeds.

"Tutto questo, abbinato a inverni più caldi e umidi in generale, come previsto dai cambiamenti climatici, rende il terreno più saturo, quindi qualsiasi pioggia darà maggiori possibilità di inondazioni."

Gli scienziati osservano e prevedono un aumento del 10-20% delle precipitazioni nei giorni più piovosi, quindi è molto probabile che vedremo altri esempi di questo tipo di acquazzoni durante questo inverno.

Nelle zone costiere, le possibilità di inondazioni sono aggravate dall'innalzamento del livello del mare. È il caso di Venezia.

Tuttavia, le possibilità di inondazioni di una zona o meno sono anche complicate da fattori umani come le pratiche agricole, la costruzione di case sulle pianure alluvionali e i capricci del tempo.

Venezia è stata colpita da inondazioni che hanno interessato oltre l'80% della città, patrimonio mondiale dell'Unesco, andata sott'acqua quando le maree erano al massimo.

Il sindaco di Venezia è stato molto veloce ad attribuire le alluvioni ai cambiamenti climatici. Va tuttavia sottolineata la portata dei ritardi e la corruzione in relazione all'installazione del MoSE (vedi Ma alla fine il Mose proteggerà Venezia?), che, fosse stato messo in funzione, avrebbe (forse) potuto limitare il danno.

Secondo i climatologi, tuttavia, c'è una chiara relazione tra l'aumento delle temperature e l'inondazione. "L'innalzamento del livello del mare sta aumentando a livello mondiale e sta aumentando anche nell'Adriatico", sostiene la prof. Gabi Hegerl, dell'Università di Edimburgo.

Venezia, dal canto suo, sta affrontando anche il problema della subsidenza, ovvero l'abbassamento degli edifici a causa del peso. Quindi si trova un po' tra l'incudine e il martello.

L'alluvione, nello specifico, è stata causata dal vento di Scirocco e dalle alte maree, ma non sarebbe stata così forte senza che anche il mare si fosse alzato.

Anche gli incendi, paradossalmente, soffrono delle stesse cause. L'ultimo rapporto di Lancet sulla salute e i cambiamenti climatici "ha scoperto che l'esposizione umana agli incendi è raddoppiata dal 2000," (vedi Inquinamento da clima: allarme Lancet).

In Australia, gli incendi boschivi quest'anno sono arrivati ​​molto prima e su una scala più ampia di quanto visto in precedenza. I cambiamenti climatici non sono la causa diretta di incendi come questi, ma costituiscono un fattore importante nel creare le giuste condizioni per far sì che gli incendi prendano piede.

In aree come l'Australia, caratterizzate da periodi di siccità prolungati, non si può sicuramente attribuire quanto avvenuto al cambiamento climatico, ma le condizioni ambientali sono sempre più mature per questo genere di cose. I precursori vanno tutti nella direzione di un aumento del rischio di incendio nelle regioni soggette a incendi.

La maggior parte della siccità è dovuta in parte al cambiamento climatico. I venti più forti, associati nuovamente a una maggiore energia nel sistema climatico, aumentano il rischio di incendi e li rendono più intensi e più rapidi.

Il segnale climatico complessivo è che se c'è più caldo, è più facile che le foreste brucino; se i mari sono più alti, è più facile che ci siano allagamenti. E se c'è più umidità nell'atmosfera, la pioggia cade più intensamente.

I modelli climatici per prevedere il futuro sono buoni nel misurare le medie. Non sono necessariamente progettati per prevedere gli estremi, quindi fenomeni come quelli di cui stiamo parlando non sono prevedibili.

"Penso che si debba sostenere che gli scienziati hanno sottovalutato gli impatti sociali e ambientali di tali eventi," afferma Forster. "Ma la proiezione del cambiamento di temperatura globale e degli impatti climatici associati è stata abbastanza ben prevista da quando il primo rapporto del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici è stato pubblicato nel 1990, o anche prima".

In sintesi, il legame tra i cambiamenti climatici e gli eventi estremi può essere collegato a quello tra il fumo di sigarette e il cancro ai polmoni. Non si può stabilire una connessione diretta, perché non si riesce a capire come sia nato esattamente il cancro: potrebbero esserci altri fattori.

Ma si può dire con certezza che se si fuma, la probabilità di contrarre il cancro ai polmoni è enormemente aumentata. Gli stessi metodi possono essere applicati al problema climatico.

Anche le ondate di freddo sono spesso un segnale climatico, ma potrebbe essere più difficile vederlo in una tempesta di neve che colpisce una regione rispetto a un'ondata di calore che colpisce un intero paese.

In realtà, lo sconquasso climatico, causato dall'aumento di temperature, ha spesso effetti locali di diminuzione delle temperature, come detto in Che succede alla Corrente del Golfo e Strumentalizzare il meteo.

Le esperienze delle assicurazioni sono un ottimo indicatore di come evolve la situazione degli eventi avversi. Un tempo erano i terremoti e gli uragani a causare le maggiori perdite, oggi gli incendi e le tempeste sono diventati i principali fattori di pagamento di rimborsi.

Gran parte della spinta nel gestire i cambiamenti climatici si è concentrata sulla riduzione della produzione di CO2, ma nel settore assicurativo sono più desiderosi di vedere la capacità delle persone di adattarsi al mondo che cambia.

"La progettazione dell'adattamento degli edifici non è così attraente come la reimmaginazione di un sistema energetico," sostiene Greg Lowe, responsabile globale della resilienza e della sostenibilità della compagnia britannica Aon.

"Alla gente piace parlare di nuovi accordi ecologici, ma in realtà non vedo discussioni su ciò che deve accadere dal punto di vista dell'adattamento."

Un esempio è quello della Florida sulla scia dell'uragano Andrew, che nel 1992 causò 65 morti e 27 miliardi di dollari di danni. C'è stata una revisione completa delle norme di costruzione sulla scia della tempesta che ha cambiato radicalmente il profilo delle perdite in quella parte degli Stati Uniti.

Scrivi un commento