riusa logotype

L'Ocean Cleanup non funziona

L'accrocchio non riesce a catturare plastica. Gli organizzatori stanno testando una soluzione alternativa.

A poco più di tre mesi dal pomposo varo (vedi Ocean Cleanup: la sfida ha inizio), l'ambizioso progetto per ripulire la Great Pacific Garbage Patch non sta catturando le tonnellate di plastica come previsto.

Nulla di preoccupante, in realtà: la sperimentazione è in fase beta, dicono gli organizzatori. Il sistema 001 lasciò la California a settembre e raggiunse il suo obiettivo a metà ottobre, con l'obiettivo generale di ripulire metà dell'isola di plastica in cinque anni e una riduzione del 90% entro il 2040.

Ovviamente, gli organizzatori sono delusi dal fatto che il sistema non si stia comportando come previsto. Ma non sono scoraggiati, afferma Lonneke Holierhoek, direttrice operativa di Ocean Cleanup.

Una soluzione è stata progettata dal team di ingegneri e tecnici, che sperano di lanciare un sistema 002 all'inizio del 2020, inaugurando piani per l'implementazione di una flotta migliorata di 60 unità in grado di svolgere il lavoro.

"Se la causa del problema è quella che abbiamo identificato e la soluzione che abbiamo prodotto è corretta," ha detto Holierhoek, "non ci sarà alcun ritardo significativo dato che abbiamo messo un lasco nel nostro programma, esattamente per questo scopo."

Il sistema 001 consiste in un galleggiante lungo 600 metri, con una gonna profonda 3 metri attaccata sotto. Il galleggiante è progettato per evitare che le materie plastiche scorrano sul sistema, mentre la gonna impedisce alle particelle più piccole di fuoriuscire. L'allestimento sfrutta le forze oceaniche naturali per catturare e concentrare la plastica.

Ma a parte 2 tonnellate di reti da pesca abbandonate, non è stata ancora estratta dal sistema 001 una quantità significativa di plastica, dicono i leader del gruppo. La plastica entra nel sistema, e viene trattenuta solo per alcuni giorni, il che non è abbastanza per raccoglierla. Questo problema è emerso a metà novembre e i team di ingegneria e tecnologia di The Ocean Cleanup hanno lavorato per identificare la causa e una soluzione.

"La ragione più probabile è che il sistema non si muove abbastanza velocemente ad ogni condizione che si verifica," dice Holierhoek. "Ha bisogno di muoversi più velocemente della plastica in ogni momento in modo da conservare tutta la plastica che è stata catturata."



La gonna ha per lo meno avuto successo nel limitare il proprio impatto: progettata con lo scopo di creare un flusso verso il basso per consentire alla vita marina di passare tranquillamente al di sotto di essa, non ha provocato alcun problema sulla vita marina finora. "E questo è ovviamente anche un prerequisito per quello che consideriamo un progetto di successo."

Il sistema ha viaggiato a circa 400 miglia nautiche nell'ultimo mese e mezzo, ma non in linea retta, ovviamente. La velocità del sistema varia a seconda delle condizioni meteorologiche. Idealmente, il sistema dovrebbe viaggiare a 0,1-0,2 metri al secondo. In questo sito si può seguire il movimento del sistema.

Gli organizzatori dicono che la soluzione è simile a quella di ampliare la superficie velica su una barca. Si dovrebbe raggiungere un aumento dell'ampiezza del sistema 001 che aumentando la superficie che cattura efficacemente vento e onde, aggiungendo forza e aumentando la velocità del galleggiante. Si dovrebbe ottenere il risultato ingrandendo l'accrocchio del 25%, ossia aprendo il galleggiante a forma di U di circa 60-70 metri.

Il team di Ocean Cleanup sta lavorando per apportare miglioramenti ogni giorno. Ma non tutti possono essere implementati facilmente in mare. Il galleggiante viene seguito da una nave di supporto. Si valuteranno gli adeguamenti al sistema 001 nel corso del mese di gennaio e si implementerà una soluzione al problema del trattenimento della plastica il prima possibile.

"Una volta che avremo una configurazione ottimale e avremo portato a terra con successo i primi carichi di plastica, inizieremo a lavorare sul prossimo progetto di sistema," afferma Holierhoek. "Questo design incorpora tutti gli apprendimenti dalla versione beta e dovrebbe essere ulteriormente ottimizzato."

"Dal momento che vogliamo che questo nuovo design di sistema sia il progetto di un'intera flotta di sistemi, riteniamo di poter crescere rapidamente, iniziando a posizionare più sistemi in acqua nel 2020."

L'Ocean Cleanup osserva che, sebbene la plastica non sia stata raccolta, è arrivato un ulteriore sostegno da quando l'organizzazione con sede in Paesi Bassi ha lanciato System 001 dalla Baia di San Francisco. C'era un'attenzione globale e un grande interesse per il progetto, e potenziali sponsor si sono fatti avanti per aiutare, a livello individuale e più ampio, corporativo e filantropico.

"Sebbene il trattenimento della plastica sia fondamentale per il funzionamento del sistema, siamo lieti che tutte le altre variabili si siano comportate secondo i modelli e la pianificazione," afferma Holierhoek.

"Ci siamo sempre aspettati l'inaspettato e il motivo per cui abbiamo deciso di mettere fuori un sistema beta così presto è quello di risolvere questo tipo di problemi. Il team ha dimostrato di essere molto resistente ed è sicuro che trovare una soluzione è solo una questione di tempo."

Scrivi un commento