riusa logotype

EuRIC: accordo UE favorirà il riciclo della plastica

Rec plas

La direttiva che impone contenuti minimi di riciclato nelle plastiche entrerà in vigore tra due anni, se sarà approvata.

La Confederazione europea delle industrie del riciclo (European Recycling Industries' Confederation - EuRIC) ha accolto favorevolmente l'accordo provvisorio sulla direttiva sulle materie plastiche monouso che stabilisce un obiettivo vincolante di almeno il 25% di plastica riciclata per le bottiglie di bevande in PET dal 2025 in poi e un obiettivo del 30% di contenuto riciclato entro il 2030 per tutte le bottiglie di plastica.

A seguito di una proposta della Commissione europea in maggio, l'accordo pre-legislativo siglato a fine 2018 prevede l'abolizione di una gamma di articoli in plastica monouso come cannucce, cotton fioc e posate. Le misure concordate includono il divieto dei contenitori per alimenti in polistirolo espanso e le tazze per bevande.

Secondo quanto concordato, i produttori di plastica (e quindi i suoi utilizzatori) devono pagare la gestione dei rifiuti e la pulizia dovuta alla in plastica monouso, compresi mozziconi di sigaretta in plastica e attrezzi da pesca.

Alcuni sostenitori della campagna contro la plastica sostengono che l'accordo non è all'altezza di quanto necessario per affrontare il problema delle materie plastiche monouso in tutto il continente. Sono state espresse preoccupazioni per la mancanza di un obiettivo vincolante a livello UE per ridurre il consumo di materie plastiche monouso. L'obiettivo che i paesi "riducano significativamente" il loro consumo è infatti considerato troppo vago.

Ma i riciclatori europei, come detto, sono più ottimisti: "Si tratta di un'importante pietra miliare per ridurre i rifiuti marini e favorire la circolarità delle bottiglie di plastica," commenta il segretario generale dell'EuRIC, Emmanuel Katrakis. "Tale misura invierà un forte segnale di mercato che spronerà la domanda di plastica riciclata, premiando i suoi sostanziali benefici ambientali in termini di CO2 e risparmio energetico, che i prezzi di mercato hanno costantemente disconosciuto," aggiunge.

Secondo EuRIC, gli obiettivi stabiliti avranno effetti positivi su tutta la catena del valore e contribuiranno direttamente a "migliorare e aumentare" il tasso di raccolta delle bottiglie di plastica. L'ente industriale sottolinea che il settore del riciclo è "pronto a fare la sua parte e attende con impazienza di continuare il lavoro con tutte le parti interessate coinvolte."

Scrivi un commento