riusa logotype

Ambiente: Cina pronta a essere leader

Cina inquinamento

La Cina sta prendendo preoccupazioni ambientali più seriamente che mai. Da maggior inquinatore si candida a essere guida per iniziative ambientali.

Alla fine del XX secolo, la Cina ha intrapreso una straordinaria rivoluzione industriale. Nel processo, ha prodotto però molto inquinamento, che ha sollevato preoccupazioni per i suoi abitanti e per il resto del mondo, a causa del riscaldamento globale. Il Consiglio ambientale delle Nazioni Unite ha messo molta pressione sulla Cina per ridurre la sua impronta di carbonio. A seguito di questo, è assolutamente chiaro che i progressi cinesi sono così importanti da essere un esempio per il resto del mondo.

Nel 2014, la Banca Mondiale ha elogiato il governo cinese per il reintegro dello sviluppo forestale, della conservazione della biodiversità e delle strategie di riduzione del carbonio. Secondo l'analisi della Banca Mondiale, la Cina ha aumentato la copertura forestale di quasi il 50% tra la fine degli anni '80 e il 2005. Sebbene gli analisti abbiano fatto notare che quei livelli sono ancora notevolmente inferiori alla media globale, hanno dichiarato che la Cina è chiaramente nella direzione giusta.

Si legge nel comunicato della Banca Mondiale: "La Cina è da tempo un paese povero di foreste. Sebbene la copertura forestale sia aumentata dal 13% negli anni '80 al 18,2% entro il 2005 grazie ad un vasto programma di piantagioni, l'ettaro pro capite di 0,13 è rimasto notevolmente inferiore alla media mondiale di 0,6. Con una rapida crescita economica, le foreste della Cina sono state oggetto di una forte pressione a causa della crescente domanda di legname e legna da ardere. Il divieto di deforestazione, introdotto dal governo nel 1998, ha ulteriormente aggravato la carenza di legname. Questa sfida è stata più acuta nel Guangxi, dove uno dei più grandi e più importanti ecosistemi carsici del mondo è sotto minaccia."

Le politiche del governo per aumentare l'area forestale e ridurre le emissioni di CO2 sono molto incoraggianti, ma la loro nuova attenzione all'energia verde è ancora più impressionante. Nel mese di maggio, il premier Li Keqiang ha annunciato che il paese sta riducendo la produzione di acciaio e e quella di elettricità da carbone. Hanno fatto grandi investimenti in energia eolica e energetica, che stanno cominciando a fare la differenza in tutto il mondo. Inoltre stanno investendo maggiormente in solare. Infatti, hanno sviluppato il più grande impianto solare flottante del mondo (vedi La Cina contro i cambiamenti climatici).

Molti esperti ambientali ritengono che il paese sia passato da essere uno dei maggiori contributori al cambiamento climatico a un modello da seguire nella ricerca di salvare l'ambiente. Cosa ha spinto la Cina a fare questi cambiamenti? L'incentivo più grande è stata la necessità di salvare le persone dall'inquinamento. Il National Geographic riferisce che circa 1,1 milioni di persone muoiono ogni anno dall'inquinamento atmosferico in Cina. Il governo aveva bisogno di grandi cambiamenti per invertire questa epidemia.

Tuttavia, il paese ha ancora bisogno di attuare ulteriori cambiamenti. Il governo ha approvato una serie di regolamenti per migliorare la qualità dell'aria. Tuttavia, molte aziende sono riluttanti a seguirle. Il Ministero della Protezione Ambientale ha esaminato circa 20.000 aziende in tutta la Cina settentrionale. Quasi 14.000 non sono riuscite a rispettare gli standard ambientali. Alcune delle violazioni erano abbastanza veniali e facili da rettificare. Altre erano molto più gravi. Secondo il rapporto, pubblicato su un nuovo sito statale, quasi 5.000 aziende operavano in aree proibite o non avevano ottenuto i permessi ambientali. Il ministero della protezione dell'ambiente afferma che è necessaria un'applicazione più rigorosa.

Li Keqiang e altri funzionari cinesi stanno prendendo preoccupazioni ambientali molto più seriamente dei loro predecessori. Il Paese dovrebbe attuare nuove politiche in futuro e potrebbe essere uno dei leader mondiali nella lotta contro i cambiamenti climatici.

Scrivi un commento