riusa logotype

Il clima ora spaventa l'economia

Economisti finalmente preoccupati per la crisi climatica. Il PIL mondiale potrebbe calare del 10,5 percento in 80 anni, secondo un nuovo studio.

Gli economisti cominciano a considerare con preoccupazione la crisi climatica. Ma a preoccuparli non sono lo scioglimento dei ghiacciai, l'innalzamento delle acque, le morie di pesci e animali, o le migrazioni per fame. Ciò che li angoscia è il PIL, che potrebbe calare del 10,5 percento in 80 anni, secondo un nuovo studio.

Alcune delle più grandi aziende del mondo prevedono di subire perdite per oltre mille miliardi di euro a causa dei cambiamenti climatici. Gli assicuratori sono sempre più nervosi e la più grande azienda di ri-assicurazioni al mondo, Munich Re, ha avvertito che il costo dei premi potrebbe presto essere inaccessibile per la maggior parte delle persone.

Ora, un nuovo rapporto, avverte che la crisi climatica scatenerà enormi perdite economiche globali se le emissioni di gas serra non verranno drasticamente ridotte entro i prossimi decenni, come riportato dal Washington Post.

Lo studio del National Bureau of Economic Research ha scoperto che nessun paese al mondo sarà risparmiato dagli effetti della crisi climatica e che nessun singolo paese ne trarrà beneficio economico.

La ricerca ha esaminato 174 paesi in 54 anni e ha scoperto che la produzione economica subirà pesanti ripercussioni da parte dei cambiamenti persistenti. Se il riscaldamento globale non sarà tenuto sotto controllo, ridurrà il prodotto interno lordo (PIL) mondiale del 7,2% entro il 2100. Tuttavia, se il mondo dovesse adempiere agli impegni presi sul clima nell'accordo di Parigi e impedire che le temperature aumentino oltre i 2°C sopra il livello preindustriale, la perdita economica scenderebbe all'1,07 percento entro il 2100.

Le nazioni messe peggio saranno i paesi tropicali a corto di risorse economiche e mediche. Le nazioni industrializzate saranno colpite duramente se le temperature continueranno ad aumentare al loro ritmo attuale (+ 4°C rispetto ai tempi preindustriali entro il 2100). Si prevede una perdita del 10,5 percento del PIL.

"Ciò che lo studio suggerisce è che i cambiamenti climatici sono costosi per tutti i paesi, non importa se siano caldi o freddi, ricchi o poveri, quelli industrializzati saranno tra quelli che soffriranno di più," ha dichiarato il co-autore dello studio Kamiar Mohaddes, economista dell'Università di Cambridge nel Regno Unito.

Giappone, India e Nuova Zelanda perderanno il 10% del loro PIL, sostengono i ricercatori. E il Canada perderebbe oltre il 13% del fatturato complessivo entro il 2100.

"Il Canada si sta riscaldando due volte più velocemente del resto del mondo. Esistono rischi per le sue infrastrutture fisiche, le comunità costiere e settentrionali, la salute umana e il benessere, gli ecosistemi e la pesca. Tutto ciò ha un costo," ha affermato Mohaddes.

"Francia e Regno Unito hanno recentemente registrato il loro giorno più caldo della storia. I binari della ferrovia si sono piegati, l'asfalto delle strade si è sciolto e migliaia di vie di comunicazione sono state bloccate perché fuori norma. Tali eventi hanno un tributo economico e diventeranno solo più frequenti e gravi senza politiche per affrontare il minacce del cambiamento climatico."

Scrivi un commento