riusa logotype

L'inquinamento atmosferico peggiora la salute mentale

Ancora copiosi dati che confermano la correlazione tra inquinamento dell'aria e disturbi mentali.

Le persone che crescono in aree con scarsa qualità dell'aria hanno maggiori probabilità di sviluppare depressione e disturbo bipolare in età avanzata, suggerisce un nuovo studio, pubblicato su PLOS Biology.

L'analisi dei dati sanitari di milioni di pazienti ha trovato un "legame significativo" tra i disturbi della salute mentale e l'esposizione all'inquinamento atmosferico, specialmente durante l'infanzia.

La ricerca, basata sui dati sulla popolazione degli Stati Uniti e della Danimarca, è l'ultima di una serie di studi (vedi Spazi aperti abbassano l'ansia) per collegare la qualità dell'aria alla cattiva salute.

Realizzato da scienziati dell'Università di Chicago, lo studio ha utilizzato un database americano di assicurazioni sanitarie di 151 milioni di persone con 11 anni di richieste di ricovero ospedaliero e ambulatoriale per malattie neuropsichiatriche. I ricercatori hanno quindi confrontato tali affermazioni con le misurazioni di 87 potenziali inquinanti atmosferici.

Hanno scoperto che i paesi con la peggiore qualità dell'aria avevano un aumento del 27% del disturbo bipolare e un'incidenza del 6% di depressionemaggiore rispetto a quelli con la migliore qualità dell'aria.

"Esistono alcuni fattori scatenanti noti per i disturbi mentali, ma l'inquinamento è una nuova direzione," ha dichiarato l'autore del documento Andrey Rzhetsky, professore di medicina e genetica umana.

"La ricerca su cani e roditori mostra che l'inquinamento atmosferico può entrare nel cervello," aggiunge Rzhetsky, "e causare infiammazione che provoca sintomi simili alla depressione. È del tutto possibile che la stessa cosa accada negli umani."

Il team di Chicago ha applicato la stessa metodologia ai dati di 1,4 milioni di pazienti danesi per convalidare i suoi risultati. In collaborazione con ricercatori dell'Università danese di Aarhus, hanno esaminato l'incidenza della malattia neuropsichiatrica negli adulti danesi che vivevano in aree con scarsa qualità ambientale fino all'età di 10 anni.

Il team ha riscontrato un aumento del 29% dei disturbi di salute mentale per le persone che vivono nelle aree più inquinate.

L'esposizione a livelli elevati di inquinamento atmosferico è stata collegata a un aumento più che doppio della schizofrenia tra i pazienti danesi, nonché a tassi più elevati di disturbo della personalità, depressione e bipolarismo.

"I nostri studi negli Stati Uniti e in Danimarca dimostrano che vivere in aree inquinate, soprattutto nella prima infanzia, è predittivo di disturbi mentali," afferma il biologo computazionale Atif Khan, coautore dello studio.

Tuttavia, gli accademici che non sono stati coinvolti nella ricerca hanno affermato che altri fattori potrebbero spiegare la correlazione.

Il professore di Stanford John Ioannidis non è d'accordo con le conclusioni dello studio. Secondo Ioannidis, la ricerca solleva la "possibilità intrigante" che la scarsa qualità dell'aria possa causare malattie mentali ma non è riuscita a fornire un caso chiaro.

"Nonostante le analisi coinvolgano grandi set di dati, le prove disponibili presentano notevoli carenze e una lunga serie di potenziali pregiudizi può invalidare le associazioni osservate", ha scritto.

Daniel Maughan, registrar associato per la sostenibilità presso il Royal College of Psychiatrists, afferma invece che la ricerca si è basata sulla "crescente evidenza" di un legame tra l'inquinamento atmosferico e lo sviluppo di malattie mentali.

Maughan sostiene che, sebbene lo studio non dimostri che l'inquinamento atmosferico causi malattie mentali, suggerisce che esista un "forte legame" tra l'esposizione precoce e un aumentato rischio di sviluppare problemi di salute mentale.

"Tuttavia, ci sono molti altri fattori ambientali," aggiunge Maughan,"che potrebbero contribuire a una cattiva salute mentale per le persone che vivono in aree ad alto inquinamento, per esempio la densità di popolazione o il ridotto accesso agli spazi verdi (vedi Filadelfia, il verde pubblico e la salute mentale). Per questo è difficile isolare la scarsa qualità dell'aria come causa della malattia mentale."

L'Organizzazione Mondiale della Sanità stima che l'inquinamento atmosferico uccida 7 milioni di persone ogni anno, equivalenti a 13 morti ogni minuto e più del totale combinato di guerra, omicidio, tubercolosi, HIV, AIDS e malaria.

Precedenti studi hanno collegato la scarsa qualità dell'aria a una serie di condizioni, tra cui asma, malattie cardiache e vari tipi di cancro.

Scrivi un commento