riusa logotype

O2 ricicla tre milioni di smartphone

La rete mobile afferma di aver intercettato 450 tonnellate di rifiuti elettronici altrimenti destinati in discarica.

O2 Recycle, il sistema di riciclo dei rifiuti elettronici lanciato 10 anni fa dalla società di telecomunicazioni britannica, ha raccolto oltre tre milioni di telefoni e impedito a 450 tonnellate di rifiuti elettronici potenzialmente dannosi di finire in discarica, ha annunciato O2 in un comunicato.

Il sistema, gestito in collaborazione con Redeem, offre incentivi in ​​denaro per incoraggiare i clienti a scambiare i loro vecchi dispositivi che vengono poi riutilizzati o riciclati

O2 ha corrisposto un totale di 226 milioni di sterline (262 milioni di euro) ai clienti del Regno Unito dal 2009, ma il livello dei pagamenti è aumentato vertiginosamente negli ultimi due anni, quando il valore dei vecchi telefoni è stato in media 500 sterline (580 euro) a settimana.

In genere, il 95% dei dispositivi consegnati sono in buone condizioni e rivenduti sul mercato, ha affermato la società, aggiungendo che il 70% dei telefoni inviati al sistema sono Apple iPhone.

"Siamo estremamente orgogliosi del fatto che, nel corso degli ultimi 10 anni, il nostro pionieristico sistema di riciclo O2 abbia risparmiato 450 tonnellate di rifiuti alla discarica. Questo è l'equivalente di trentacinque autobus londinesi, oltre a rimborsare oltre 225 milioni di sterline a clienti attenti all'ambiente," ha affermato Nicola Green, direttore degli affari societari di O2.

I rifiuti elettronici rimangono una grande sfida ambientale per le economie di tutto il mondo. Rifiuti come telefoni, laptop e TV contengono sostanze che comportano rischi elevati per la salute e l'ambiente se trattate in modo improprio alla fine della vita. Inoltre, molti dei componenti presenti nei dispositivi moderni sono preziosi, creando possibilità economiche e ambientali per il riciclo e il riutilizzo dei materiali.

Tuttavia, l'abbandono di rifiuti elettronici rimane diffuso, mentre le milioni di tonnellate di vecchie macchine gettate ogni anno hanno anche generato un'industria illegale in cui i rifiuti vengono spediti in paesi con regole ambientali sfavorevoli e meccanismi e macchine di applicazione vengono demoliti in siti con scarsi standard di sicurezza e ambientali (vedi RAEE: tossine nelle uova africane e Raee: stop alla vergogna della discarica di Guiyu, Cina).

Delle 44,7 milioni di tonnellate prodotte nel 2017, il 90% è stato inviato in discarica, incenerito, commercializzato illegalmente o altrimenti trattato in modo fuori standard, secondo le Nazioni Unite.

All'inizio di questo mese, il comitato di audit ambientale ha avviato un'indagine sui rifiuti elettronici, con l'obiettivo di esplorare come coltivare un'economia circolare per i beni elettronici.

Tre milioni di smartphone sembrano una bella cifra, ma se pensiamo che nel periodo considerato, dal 2009 a oggi, ne sono stati prodotti oltre 10 miliardi, l'intera raccolta di O2 è pari allo 0,03%. Prendiamo la notizia come un inizio incoraggiante, perché c'è ancora parecchio lavoro da fare.

Scrivi un commento