riusa logotype

Il Baltico soffoca

Deadzone

I livelli di ossigeno del Mar Baltico sono a un minimo di 1.500 anni, e i cambiamenti climatici stanno ostacolando gli sforzi di recupero.

I livelli di ossigeno in una zona costiera del Baltico sono al minimo in 1.500 anni e sono "di una gravità senza precedenti", secondo un nuovo studio pubblicato la scorsa settimana su Biogeosciences.

Una mancanza di ossigeno di questo tipo si verifica quando le acque sono sovraccariche di acque reflue, fertilizzanti e altri contaminanti. Acque private dell'ossigeno soffocano i pesci e altre forme di vita marina e danno origine a fioriture di batteri tossici, non solo per l'ambiente, ma anche gli esseri umani, a causa della drastica riduzione della dotazione ittica già in declino per altre cause.

Lo studio ha concluso che i danni causati dall'uomo hanno accelerato l'esaurimento dell'ossigeno nel Baltico nel corso dell'ultimo secolo e che il cambiamento climatico sta svolgendo un ruolo nell'ostacolare le naturali compensazioni.

"Il cambiamento climatico non è stata la causa principale dell'attuale zona morta, ma è un fattore importante che rallenta il ripristino", ha detto Tom Jilbert, assistente presso l'Università di Helsinki in Finlandia e uno dei coautori dello studio, in un dichiarazione. Questo perché l'acqua calda è meno efficace quando si tratta di trattenere l'ossigeno.

Per lo studio, gli scienziati hanno estratto due campioni rappresentativi dal Mare dell'Arcipelago, un'area nel più grande Mar Baltico tra Finlandia e Svezia. L'analisi di questi nuclei ha permesso ai ricercatori di esaminare le tendenze di esaurimento dell'ossigeno nell'arco di 1.500 anni. Nonostante i recenti sforzi per migliorare i livelli di ossigeno nella zona, riducendo lo scarico di nutrienti inquinanti, ad esempio, lo studio ha rilevato "non c'è alcuna prova di un recupero."

La fame di ossigeno e le "zone morte" sono un problema non solo nel Baltico. L'anno scorso, gli scienziati hanno misurato una zona morta delle dimensioni del New Jersey nel Golfo del Messico. Comprendere le tendenze storiche nella creazione di zone morte a causa dell'esaurimento dell'ossigeno e delle relative cause può aiutare gli sforzi per migliorare la qualità dell'acqua.

I paesi che fiancheggiano il Baltico hanno cercato di ridurre il carico di sostanze nutritive per anni attraverso un'organizzazione intergovernativa denominata Commissione per la protezione dell'ambiente marino del Baltico. Ma il nuovo studio dovrebbe essere un campanello d'allarme che mostra che ci sia bisogno di molto di più per aiutare il Mar Baltico a riprendersi dal suo attuale stato di carenza di ossigeno.

Scrivi un commento